Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Ostia in fiamme i bagni pubblici della spiaggia libera. Raggi: “Vergognoso”

bagni chimici ostia lungomare
I bagni chimici di una spiaggia libera comunale in corrispondenza del Lungomare Duca degli Abruzzi sono stati distrutti dalle fiamme. La sindaca: "Non mi lascio intimidire"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Fiamme nella notte a Ostia. A bruciare sono stati i bagni chimici di una spiaggia libera comunale, in corrispondenza del Lungomare Duca degli Abruzzi. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco e la polizia locale con il X Gruppo Mare. Sull’incendio è intervenuto l’ex capogruppo del M5S in Campidoglio, Paolo Ferrara: “Inizia la campagna elettorale e tornano gli incendi sulla spiaggia di nuova Ostia; le spiagge dove anche i clan facevano gli affari. Era successo anche negli anni passati. Sono diventate le spiagge della legalità e a qualcuno non piace. Ora le forze dell’Ordine tramite le telecamere che abbiamo posizionato potranno fare chiarezza. Intanto vi abbiamo combattuto e vi combatteremo fino alla fine. Ad Ostia non torna il malaffare. State tranquilli”.

RAGGI: “EPISODIO VERGOGNOSO E INACCETTABILE”

“Questa immagine è davvero vergognosa. Inaccettabile. Quelli che vedete incendiati sono i bagni pubblici che abbiamo messo sulle spiagge libere del litorale di Roma, a Ostia, dopo averle sottratte a chi prima le occupava abusivamente. Evidentemente a qualcuno dà fastidio il mio lavoro e ha deciso di dare fuoco a queste strutture. Un atto vile nei confronti di tutti i cittadini. Non mi lascio intimidire. Neanche questa volta. Vado avanti a testa alta. In questi anni ad Ostia ho dichiarato guerra ai clan criminali che prima spadroneggiavano in città. Abbiamo iniziato ad abbattere il lungomuro di Ostia e gli stabilimenti abusivi per restituire la vista e l’accesso al mare a tutti”. Così, su Facebook, la sindaca di Roma, Virginia Raggi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»