Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Pediatria, edizione del 16 settembre 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

– VACCINO, IERACI: PRESTO CIRCOLARE MINISTERO SU SOMMINISTRAZIONI SIMULTANEE

“Secondo l’Ecdc di Atlanta i vaccini inattivati, quali l’anti-influenzale, come l’anti-meningite, l’Hpv e il vaccino anti-Covid possono essere somministrati insieme. Ma non è facile procedere in tal senso senza una circolare del ministero della Salute. La comunicazione dal ministero arriverà però a breve, l’ho chiesta e so che ci stanno lavorando”. Lo annuncia Roberto Ieraci, infettivologo e coordinatore della strategia vaccinale per la Regione Lazio. “Sulla base dei dati di immunogenicità e i profili di eventi avversi- ribadisce- il vaccino anti-influenzale può essere somministrato insieme al Covid. Tuttavia su questo ancora non ci sono molti dati dal real life”.

– SCUOLA, I CONSIGLI DEGLI ORTOPEDICI PER ZAINI ANTI MAL DI SCHIENA

Telaio leggero, bretelle larghe e imbottite, schienale rigido, cintura di allaccio alla vita. Queste le caratteristiche che dovrebbe avere lo zainetto scolastico. Ad elencarle è Cosimo Gigante, presidente della Sitop. “Lo zaino dovrebbe essere compatto, per favorire una buona organizzazione dei libri al suo interno, e preferibilmente dotato di rotelle in modo che possa essere trascinato, invece che portato sulle spalle, nel caso in cui dovesse risultare troppo pesante”, spiega l’ortopedico pediatrico. E proprio il peso è una delle questioni che più angoscia i genitori preoccupati che possa essere causa di scoliosi.

– VIRUS RESPIRATORIO SINCIZIALE, SIMRI: TORNERÀ A CIRCOLARE

Le misure di contenimento messe in atto lo scorso anno per contrastare la diffusione del Sars-CoV-2 hanno fatto sì che il virus respiratorio sinciziale abbia circolato molto meno, risparmiando dalle bronchioliti tanti neonati. Ma guardando alla stagione in arrivo “Siamo abbastanza preoccupati perché con l’allentamento del distanziamento sociale, il minor utilizzo dei dispositivi di protezione e il fatto che probabilmente i genitori ricominceranno a mandare i bambini a scuola subito dopo che hanno avuto l’episodio influenzale, così come facevano prima della pandemia, i virus respiratori ricominceranno a circolare”, spiega Fabio Midulla, presidente Simri.

– SIPPS: AIUTARE FAMIGLIE, PEDIATRA È LORO INTERLOCUTORE AFFIDABILE

“Le famiglie italiane hanno bisogno di punti di riferimento, sicurezza. Sono impaurite, impoverite e vogliono conforto. Il pediatra deve essere il loro interlocutore affidabile”. È questo il monito lanciato da Giuseppe Di Mauro, presidente della Sipps, che porterà i risultati degli ultimi lavori scientifici, nonché tutta la carica delle nuove iniziative partite da ‘Napule è’ e maturate nell’officina delle idee, al XXXIII congresso nazionale dal 23 al 26 settembre a Caserta.

– FRATTURE IN ETÀ EVOLUTIVA, SITOP: NUMERO CASI STABILI MA PIÙ GRAVI

Nel corso della pandemia il numero di fratture nei bambini è rimasto invariato, rispetto a otto anni fa, nonostante le restrizioni imposte dalle regole di prevenzione abbiano ridotto le occasioni per uscire. Non solo, il livello di gravità di queste fratture, benché nella maggior parte dei casi si verifichino in casa, è aumentato. A spiegarlo è Pasquale Guida, direttore del reparto di Ortopedia dell’ospedale Santobono di Napoli e presidente del prossimo Congresso della Sitop, che si terrà il 30 settembre e il 1° ottobre prossimi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»