A Modena è caccia a chi guida col telefono: Polizia locale monta 6 telecamere su un’auto

Si chiama Safer Traffic Mobile la soluzione che la Polizia locale modenese sperimenterà nei prossimi mesi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MODENA – Videosorveglianza sempre più evoluta, al servizio della sicurezza stradale oltre che urbana. È la lotta ai comportamenti scorretti alla guida, e in primis all’uso dello smartphone al volante, che da oggi a Modena si avvale di un nuovo super strumento. Si chiama Safer Traffic Mobile ed è la soluzione che la Polizia locale modenese sperimenterà nei prossimi mesi, per rendere più efficace l’applicazione del Codice della strada, ma anche per verificare assicurazione e revisione dei mezzi.







Previous
Next

 

Il nuovo sistema è stato illustrato oggi in conferenza stampa al comando della Polizia locale di via Galilei, in presenza del sindaco Gian Carlo Muzzarelli. Con il sistema Safer Traffic Mobile, in particolare, le sei telecamere montate su un’auto della Polizia locale (è stata scelta una delle Dacia Duster) consentono di avere una visuale a 360 gradi intorno al veicolo, a bordo del quale un lap top touch screen trasmette continuamente tutte le immagini ad altissima definizione, catturate dagli occhi elettronici.

Le immagini vengono usate in tempo reale dagli agenti a bordo, formati ad hoc. Il tutto serve a contrastare la guida con il cellulare o senza cintura e la mancata precedenza agli attraversamenti pedonali, “sempre nel rispetto della normativa sulla privacy”, assicura il Comune.

Spiega la comandante della Polizia locale Valeria Meloncelli: “La sperimentazione di un sistema avanzato per la rilevazione delle infrazioni si colloca nell’ambito delle politiche per la sicurezza stradale che il Comune ha in atto. Come Polizia locale, abbiamo intensificato le campagne di sensibilizzazione e contrasto ai comportamenti scorretti alla guida, sto pensando ad esempio all’utilizzo del telefono cellulare mentre si guida ma anche al mancato uso delle cinture, attraverso l’adozione di nuove strategie che comunque richiedono un ingente impiego di personale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»