Blitz Varenne a Siracusa, al telefono droga chiamata come i colori dei cavalli

Sgominate due organizzazioni dedite allo spaccio. Tra gli indagati Giovanni Pasqua, considerato "personaggio centrale" che lavora nel mondo dell'ippica
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – La droga denominata in base al colore del mantello dei cavalli. È quanto emerge dall’inchiesta ‘Varenne’, che ha sgominato due organizzazioni dedite allo spaccio a Siracusa. Tra gli indagati Giovanni Pasqua, considerato “personaggio centrale” dell’intera indagine, che lavora nel mondo dell’ippica. Secondo l’accusa avrebbe rifornito di hashish muovendosi tra gli ippodromi della Sicilia e nelle telefonate tra lui e i suoi interlocutori veniva utilizzato un linguaggio convenzionale mutuato dal mondo dell’ippica per riferirsi alle varie tipologie di droga. Cosi’, di volta in volta, gli stupefacenti venivano denominati in base al loro colore, associato a quello del mantello dei cavalli: pertanto, per riferirsi all’hashish, sostanza dal tipico colore marrone, gli spacciatori usavano il termine convenzionale ‘sauro’, un cavallo dal tipico manto castano. L’inchiesta ha portato al sequestro di 73 chili di hashish e 171 grammi di cocaina. L’introito annuale del giro di droga stimato dai carabinieri del Comando provinciale di Siracusa e’ di circa 350mila euro.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»