Climbing for climate, il 19 settembre a Parma in 150 scalano il monte Marmagna

Il 19 settembre quasi 30 atenei d'Italia hanno organizzato giornate a contatto con la natura ed escursioni per sensibilizzare sul tema dello sviluppo sostenibile
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Una giornata dedicata al trekking e alle escursioni in montagna in nome del clima e della difesa dell’ambiente: appuntamento il 19 settembre  con la seconda edizione di “Climbing for Climate“, iniziativa promossa dalla Rete delle Università per lo Sviluppo sostenibile (Rus) in collaborazione con il Club alpino italiano (Cai) per sensibilizzare sui temi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

La lista degli atenei che aderiscono all’iniziativa è lunga (sono quasi trenta) e tra questi c’è anche l’Università di Parma, che ha organizzato per sabato 19 settembre un’escursione al Lago Santo e al Monte Marmagna, riservata a personale e studenti Unipr. Le iscrizioni sono state chiuse dopo pochi giorni dall’apertura, perché si è registrato un vero e proprio boom: nel complesso quasi 150 le persone che sabato 19 parteciperanno all’appuntamento, che si svolge all’interno del programma del Festival dello Sviluppo Sostenibile 2020.

L’Università di Parma è l’unico Ateneo dell’Emilia Romagna ad aver aderito all’iniziativa Rus insieme all’Università di Modena e Reggio Emilia: anche in questo modo testimonia la sua attenzione per i temi legati alla sostenibilità, impegno “trasversale” che coinvolge profondamente tutta la comunità accademica e sul quale si sta lavorando con passione.

A “Climbing for Climate” 2020 hanno aderito 28 università di 10 regioni: l’idea di fondo è quella di sensibilizzare l’opinione pubblica locale e nazionale sui temi dell’Agenda Onu 2030 attraverso la conoscenza dei territori lungo i sentieri del Cai, alla luce degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals – SDG) delle Nazioni Unite: tra questi, quelli per la promozione del turismo sostenibile (SDG8), dell’inclusione sociale ed economica di chi vive in aree periferiche (SDG10), del supporto alle comunità sostenibili (SDG11), della lotta al cambiamento climatico (SDG13), della promozione della vita sulla terra (SDG15).

Durante la giornata l’Università di Parma, con tutti gli altri enti partecipanti in Italia, sottoscriverà un appello per la protezione e valorizzazione del patrimonio naturale e culturale locale.

Alla camminata parteciperanno accompagnatori di escursionismo Cai e docenti dell’Università di Parma, che illustreranno le peculiarità del nostro territorio e della biodiversità dell’Alta Val Parma.

Le Università che aderiscono a “Climbing for Climate” 

  • Abruzzo: Università degli Studi dell’Aquila; Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” Chieti-Pescara; Università degli Studi di Teramo;
  • Emilia Romagna: Università degli Studi di Modena e Reggio EmiliaUniversità degli Studi di Parma;
  • Friuli Venezia Giulia: Università degli Studi di TriesteUniversità degli Studi di Udine; 
  • Lazio: Università degli Studi di Cassino e del Lazio MeridionaleUniversità degli Studi di Roma “Tor Vergata”;
  • Lombardia: Politecnico di MilanoUniversità degli Studi di BresciaUniversità degli Studi di MilanoUniversità degli Studi di Milano-Bicocca; Università degli Studi dell’Insubria; 
  • Marche: Università degli Studi di CamerinoUniversità degli Studi di MacerataUniversità degli studi di Urbino “Carlo Bo”Università Politecnica delle Marche;
  • Piemonte: Politecnico di TorinoUniversità degli Studi di TorinoUniversità del Piemonte Orientale “Amedeo Avogadro”Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo; 
  • Puglia: Università degli Studi di Bari Aldo MoroUniversità LUM Jean Monnet; 
  • Toscana: Scuola Superiore di Studi Universitari e di Perfezionamento Sant’AnnaUniversità di Pisa; 
  • Veneto: Università Ca’ Foscari VeneziaUniversità IUAV di Venezia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»