VIDEO | Torna Open House Napoli per riscoprire lo stile architettonico di 130 luoghi

La seconda edizione si svolgerà sabato 3 e domenica 4 ottobre e tutte le iniziative previste saranno gratuite
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
NAPOLI – Citta’ e quartieri aperti, 130 luoghi di Napoli, dal centro alle periferie, per riscoprire lo stile architettonico di spazi particolarmente simbolici, alcuni dei quali solitamente chiusi al pubblico. Percorsi di visite guidate nella Napoli storica, contemporanea e futura, tra sedi istituzionali, uffici, spazi riqualificati, teatri, luoghi sacri, infrastrutture, residenze private, factory creative, cantieri attivi. Tutto questo e’ Open House, il festival dell’architettura globale, che torna a Napoli, per la sua seconda edizione, sabato 3 e domenica 4 ottobre. Tutte le iniziative che si svolgeranno durante la due giorni sono gratuite. “Questo e’ un evento che tende ad aprire e vuole assolutamente ‘aprire’ gli spazi, soprattutto dopo questi mesi di citta’ negata”, hanno spiegato Stefano Fedele e Alessandra Thomas, direttori di OHN, durante la conferenza stampa di presentazione della rassegna nel Museo archeologico nazionale di Napoli. L’edizione 2020 di Open House e’ ricca di novita’, a partire dai nuovi siti inseriti nel programma delle visite come la mostra d’Oltremare, il molo San Vincenzo, gioielli del Liberty come villa Pappone, il museo di Capodimonte, Scampia con la sua nuova stazione. Nel programma di Ohn anche tante passeggiate nell’architettura, eventi e performance nei luoghi del festival, percorsi di ciclismo urbano, itinerari dedicati al verde e alla creativita’ urbana. E, da quest’anno, la nuova sezione OHN KidS, dedicata alle bambine e ai bambini, con percorsi speciali e attivita’ didattiche. “Open House coglie perfettamente la sensibilita’ del Mann, l’istituto che per vocazione ha inteso proporsi come la casa di tutti, in particolare dei cittadini. Nei prossimi mesi apriremo il terzo giardino e, da maggio, l’atrio del museo che sara’ accessibile a tutti gratuitamente”, ha annunciato il direttore del Museo archeologico nazionale di Napoli Paolo Giulierini. L’assessora alla Cultura del Comune Eleonora De Majo ha sottolineato l’importanza di “portare a Napoli un format internazionale di grande valore”. Open House Napoli, infatti, fa parte della rete internazionale di Open House Worldwide, il primo festival globale dell’architettura fondato a Londra nel 1992, che coinvolge ormai 47 citta’ nei cinque continenti, da New York a Melbourne, da Santiago del Cile a Lagos, con oltre un milione di cittadini coinvolti in tutto il mondo. In Italia sono quattro le citta’ che aderiscono al network di Open House: Roma, Milano, Torino e, dal 2019, Napoli. “Bene inserire nei percorsi di visita anche beni confiscati alla criminalita’ organizzata. È un modo bellissimo per mostrare cosa diventano quei luoghi quando vengono destinati a progetti sociali”, ha detto l’assessore comunale Luigi Felaco, delegato ai Beni confiscati, mentre Bruno Discepolo, assessore regionale al Governo del territorio, ha ricordato l’impegno della Regione Campania per l’architettura. “Oggi pomeriggio – ha annunciato – daremo vita all’osservatorio sulla qualita’ dell’architettura, una iniziativa che si aggiunge alla costituzione a Palazzo Penne della ‘Casa dell’architettura’ della Campania”.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»