Medio Oriente, Reeves (Peace Now): “Ma ora Israele dialoghi con i palestinesi”

Ma gli Accordi di Abramo, con cui per la prima volta Emirati e Bahrein avviano "piene relazioni" con Israele, sono stati definiti "una pugnalata alle spalle" dai palestinesi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “L’accordo che normalizza i rapporti tra Israele, Emirati Arabi Uniti e Bahrein è uno strumento. Può contribuire alla pace tra israeliani e palestinesi, perché attraverso i rinnovati rapporti politici, economici, culturali, entrambe le monarchie del Golfo – e in particolare gli Emirati – possono esercitare pressioni affinché si raggiunga una soluzione al conflitto. Ma chiaramente questo dipende dalla volontà di ogni singola parte”. Brian Reeves, capo ufficio comunicazioni di Peace Now, ong israeliana che si batte per un accordo di pace con i palestinesi e l’implementazione della cosiddetta “soluzione dei due Stati”, commenta per l’agenzia Dire quanto avvenuto ieri alla Casa Bianca: la firma, sotto lo sguardo del presidente Donald Trump, degli Accordi di Abramo con cui per la prima volta Emirati e Bahrein avviano “piene relazioni” con Israele.

Dal tempo delle guerre arabo-israeliane, i Paesi del Golfo si sono rifiutati di riconoscere in Tel Aviv un attore politico, posizione sancita dalla Lega araba attraverso la Arab Peace Initiative, che vincola le relazioni diplomatiche al ritiro di Israele dai territori occupati nel 1967.

Il processo di normalizzazione tra Israele e le due monarchie del Golfo ha generato proteste ieri tra i palestinesi: a centinaia sono scesi in strada in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza al grido di “non si normalizza l’occupazione”. Mahmoud Abbas, a capo dell’Autorità nazionale palestinese, ha gridato alla “pugnalata alle spalle”. Per Trump, invece, “è una nuova alba per il Medio oriente”, con il premier Benjamin Netanyahu che ha accolto i ministri degli Esteri di Emirati e Bahrein col tipico saluto arabo-islamico “As-salamu ‘Alaykum”, la pace sia con voi.

Secondo Reeves, il passo compiuto da Israele è storico. “Ha finalmente accantonato il piano di annessione di parti della Cisgiordania in cambio di alleanze strategiche coi Paesi arabi” dice il responsabile di Peace Now. “Il dialogo potrebbe riaprire la strada al processo di pace”.

Una pace però difficile da scorgere all’orizzonte: questa notte l’esercito israeliano ha bombardato obiettivi di Hamas nella Striscia di Gaza, in risposta a vari missili partiti in direzione di Israele, intercettati dal sistema anti-missilistico Iron Dome.

Nel breve periodo, e con Netanyahu al governo, sono pessimista: è difficile che i colloqui di pace possano riprendere” dice il portavoce di Peace Now. Emirati e Bahrein, però, “si sono detti favorevoli alla soluzione dei due Stati” osserva l’esperto. Che aggiunge: “Netanyahu ha davanti a sé due strade: cogliere l’occasione di riaprire il dialogo coi palestinesi, oppure proseguire una decennale e sanguinosa occupazione, che danneggia non solo i diritti dei palestinesi ma gli interessi dei cittadini israeliani stessi”.

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»