Venezia, a Sant’Erasmo arriva il ferry boat

"Consentirà di portare i mezzi agricoli a fare manutenzione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Inizierà martedì 8 ottobre il primo collegamento con ferry boat tra l’isola di Sant’Erasmo e il Lido di Venezia, voluto dal sindaco di Venezia Luigi Brugnaro per consentire ai possessori di mezzi che circolano in isola di effettuare revisioni e manutenzioni di norma. La sperimentazione sarà avviata con quattro coppie di corse l’anno, ovvero una coppia di corse a trimestre, a cui se ne potranno aggiungere altre nel caso di eventuali necessità aggiuntive legate alla sistemazione dei mezzi. Le corse saranno gestite in modo da dare la possibilità e i tempi a tutti i mezzi di ultimare le lavorazioni necessarie nelle officine del Lido di Venezia: nello specifico, ad esempio, i mezzi che saranno imbarcati l’8 ottobre da Sant’Erasmo al Lido verranno riportati nell’isola nella mattinata di martedì 15 ottobre. Questo perché Sant’Erasmo è per l’appunto un’isola e vista la sua vocazione agricola i mezzi che vi circolano sono per lo più strumenti di lavoro degli abitanti, apecar e trattori.

“Abbiamo voluto dare un forte segnale di attenzione alle necessità di un’isola famosa nel mondo per i prodotti della sua terra, in primis il carciofo violetto, ma che presenta evidenti difficoltà per la manutenzione e la revisione dei mezzi da lavoro”, spiega Brugnaro che questa mattina ha effettuato un sopralluogo dello stato di avanzamento dei lavori per l’allestimento del punto di ormeggio con l’installazione di bitte gruppi pali. Si tratti di “un altro segno concreto di tutela dei residenti, dopo la delibera urbanistica approvata dal Consiglio comunale con la quale abbiamo accolto le richieste di chi abita a Sant’Erasmo in tema di promozione dell’agricoltura e di recupero dei fabbricati per incentivare la residenzialità”, conclude Brugnaro.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

16 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»