Torna il RomaEuropa Festival: 377 artisti e 20 spazi coinvolti

La 34esima edizione del Festival si terrà dal 17 settembre al 24 novembre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ventisette paesi, 377 artisti, 126 eventi (di cui 56 gratuiti) in scena in 20 spazi della Capitale tra danza, teatro, musica e arti digitali. Sono i numeri della 34esima edizione del Romaeuropa Festival, che si terrà da domani al 24 novembre. La rassegna, che ha l’obiettivo di sviluppare attraverso le arti una lettura critica del nostro tempo, è stata presentata oggi dalla presidente della Fondazione Romaeuropa, Monique Veaute, e dal direttore generale e artistico Fabrizio Grifasi.

Domani l’inaugurazione, all’Auditorium Parco della Musica, con la danza contemporanea della coreografa Lia Rodrigues con lo spettacolo ‘Furia’. Per quanto riguarda il teatro, lo svizzero Milo Rau ambienta l’Orestea di Eschilo a Mosul; il tedesco Thomas Ostermeier insieme a Sonia Bergamasco porta in scena ‘Ritorno a Reims’ del sociologo francese Didier Eribon; Ascanio Celestini esplora il mondo delle barzellette tra luoghi comuni e autoironia; Saverio La Ruina ricostruisce il rapporto tra un italiano e un musulmano nell’Abruzzo dei terremotati, mentre il giovane talento Julien Gosselin si cimenta nel testo ‘Falce e martello’ di Don Delillo.

Alle sottoculture digitali e alle tribù del virtuale è dedicata la sezione Digitalive a cura di Federica Patti: una quattro giorni di programmazione negli spazi del Mattatoio in un dialogo tra ricerca artificiale e performance che vede protagonisti, tra gli altri, Marco Donnarumma e Margherita Pevere Jacopo Battaglia, Massimo Pupillo e Lorenzo Stecconi.

Per quanto riguarda la musica sonorità contemporanee, elettroniche, rock e jazz attraverseranno il Romaeuropa Festival. Si va dalle celebri pianiste Katia e Marielle Labèque che insieme a Bryce Dessner dei The National propongono un progrmma di musiche commissionate ai più grandi compositori contemporanei, fino al gran finale realizzato in collaborazione con la Fondazione Musica per Roma il 24 novembre, con tutte le sale che saranno coinvolti in una serata di concerti.

“È un festival che cresce di anno in anno e quest’anno l’offerta culturale per Roma rappresenta un grande successo”, ha commentato l’assessore capitolino allo Sport con delega alle Politiche giovanili e membro del Cda di Ref, Daniele Frongia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

16 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»