Violenze nei lager libici, contestato per la prima volta il reato di tortura

La Polizia di Agrigento ha fermato tre cittadini extracomunitari
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Associazione a delinquere, tratta e violenza sessuale. Sono alcuni dei reati contestati dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo a tre cittadini extracomunitari fermati dalla polizia di Agrigento nell’ambito di una indagine sull’immigrazione clandestina. Per la prima volta, in tema di immigrazione, viene contestato il reato di tortura, di recente introduzione. Le violenze sarebbero avvenute in un campo di prigionia in Libia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

16 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»