hamburger menu

Attraccata nel porto di Monopoli la nave partita dall’Ucraina carica di olio di girasole

È partita il 7 agosto dal porto ucraino di Chornomorsk e ha fatto tappa il 10 agosto a Istanbul per i controlli di sicurezza previsti

16-08-2022 16:59
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

 BARI – È arriva nel porto di Monopoli (Bari) la nave Mustafa Necati battente bandiera della Liberia che trasporta un carico di 2mila tonnellate di olio grezzo di semi di girasole destinato alla Ital Bioil gruppo Marseglia per farci biodiesel e 4mila tonnellate olio di semi di girasole (raffinato) destinato alla Casa Olearia Italiana (sempre gruppo Marseglia) destinato agli usi alimentari. La nave, con un equipaggio di 13 persone, è partita il 7 agosto dal porto ucraino di Chornomorsk e ha fatto tappa il 10 agosto a Istanbul per i controlli di sicurezza previsti. Dal porto turco è ripartita il 12 agosto alla volta dell’Italia. A coordinare le operazioni personale dell’agenzia delle dogane e dei monopoli e personale della guardia costiera.

COLDIRETTI: “SOS PREZZI, BENE L’ARRIVO DI OLIO DI GIRASOLE

“Con l’aumento record del 66% l’olio di semi di girasole è il prodotto alimentare che ha fatto registrare in Italia il maggior incremento dei prezzi proprio a causa del blocco navale dall’Ucraina da dove è arrivato quasi la metà (46%) delle importazioni nazionali per un totale di ben 260 milioni di chili, lo scorso anno”. È quanto emerge dall’analisi della Coldiretti su dai Istat in riferimento all’arrivo nel porto di Monopoli (Bari) del primo carico di 6mila tonnellate di olio di semi di girasole destinate all’Italia con la nave Mv Mustafa Necati partita dal porto ucraino di Chornomorsk.

La mancanza di olio di girasole si è fatta sentire in Italia dove- sottolinea la Coldiretti- è risultato introvabile sugli scaffali dei supermercati e numerose catene che sono state costrette a razionare le vendite mentre molte industrie alimentari hanno dovuto modificare le ricette dei proprio prodotti. Oltre che tal quale per le fritture, l’olio di girasole- continua la Coldiretti- viene impiegato infatti dall’industria alimentare per la produzione di conserve, salse, maionese, condimenti spalmabili e la ripresa delle forniture può significare risparmi economici per le imprese costrette a rifornirsi con prodotti alternativi piu’ costosi. La ripresa delle spedizioni è dunque destinata ad avere effetti anche sull’inflazione con i prezzi dei prodotti alimentari che sono aumentati in media del 9,6% a luglio, trainati proprio dagli oli di semi di girasole (+66%), dal burro (+31,9%) e dalla farina (+21,5%) che salgono sul podio dei prodotti maggiormente rincarati, secondo l’analisi Coldiretti su dati Istat. Si tratta di alimenti che- sottolinea la Coldiretti- risentono direttamente o indirettamente dal blocco delle spedizioni dai porti del Mar Nero determinato dall’invasione russa. Dalla ripartenza delle navi di cereali dell’Ucraina dipende l’arrivo in Italia di quasi 1,2 miliardi di chilli di mais per l’alimentazione animale per latte e carne, grano tenero e olio di girasole. 

L’Ucraina, infatti, con una quota di poco superiore al 13% per un totale di 785 milioni di chili è– continua la Coldiretti- il secondo fornitore di mais dell’Italia che è costretta ad importare circa la metà del proprio fabbisogno per garantire l’alimentazione degli animali nelle stalle. Il blocco delle forniture dall’Ucraina ha determinato preoccupazioni per gli approvvigionamenti ma anche forti rincari in una situazione in cui i costi di produzione nelle stalle italiane sono cresciuti del 57% secondo il Crea mettendo in ginocchio gli allevatori nazionali. L’Ucraina- precisa la Coldiretti- garantisce invece appena il 3% dell’import nazionale di grano (122 milioni di chili).

“L’Italia è costretta ad importare materie prime agricole a causa dei bassi compensi riconosciuti agli agricoltori che hanno dovuto ridurre di quasi 1/3 la produzione nazionale di mais negli ultimi 10 anni- afferma il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare l’importanza di intervenire per contenere il caro energia ed i costi di produzione con misure immediate per salvare aziende e stalle e strutturali per programmare il futuro– Occorre lavorare da subito per accordi di filiera tra imprese agricole ed industriali con precisi obiettivi qualitativi e quantitativi e prezzi equi che non scendano mai sotto i costi di produzione come prevede la nuova legge di contrasto alle pratiche sleali ma- conclude Prandini- serve anche investire per aumentare produzione e le rese dei terreni con bacini di accumulo delle acque piovane per combattere la siccità, contrastare seriamente l’invasione della fauna selvatica che sta costringendo in molte zone interne all’abbandono nei terreni e sostenere la ricerca pubblica con l’innovazione tecnologica a supporto delle produzioni, della tutela della biodiversità e come strumento di risposta ai cambiamenti climatici”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-08-16T16:59:59+02:00