Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Due medici napoletani in corsa per insegnare a Harvard

Entrambi sono ricercatori del settore cardiovascolare ed esperti internazionali in aritmologia interventistica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Sono due medici napoletani, gli unici in Italia, a partecipare al percorso di certificazione per l’insegnamento universitario alla Harvard University, il più antico ateneo statunitense. Si tratta di Eduardo Celentano, responsabile dell’unità di Aritmologia Interventistica dell’Humanitas Gavazzeni di Bergamo, formatosi in Belgio e negli Usa, e l’elettrofisiologo Alfonso Panella, anche lui in servizio all’Humanitas Gavazzeni di Bergamo. Entrambi sono ricercatori del settore cardiovascolare ed esperti internazionali in aritmologia interventistica.

“Siamo fieri di essere italiani e di sostenere programmi scientifici e di alta specialità nel campo dell’aritmologia interventistica in Italia. Quest’ulteriore traguardo alla carriera – commenta Celentano, da poco insignito del riconoscimento alla carriera di ‘Fellow dell’American College of Cardiology’ – dev’essere un invito ai valenti giovani italiani a non mollare, a non smettere di sognare e a essere resilienti nell’affermare le capacità nel proprio Paese. In bocca al lupo a tutti i giovani connazionali che, come noi, vogliono dare un contributo al miglioramento della sanità e della ricerca scientifica”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»