Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Giappone è record di terapie intensive occupate per Covid

giappone
Sabato scorso i pazienti ricoverati in gravi condizioni in tutto il Paese erano 1.521, una cifra superiore a quella del picco primaverile
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TOKYO – L’ultimo bollettino ufficiale aggiornato a ieri rilasciato dal ministero giapponese della Salute ha confermato 17.832 nuovi casi di infezione da Covid-19 nel Paese e 10 vittime. La situazione resta fortemente preoccupante nella capitale Tokyo dove il numero dei nuovi contagi è salito a 4.295, con una media settimanale in aumento del 5,6% rispetto alla settimana precedente. Oltre il 50% dei contagiati nella metropoli ha una età compresa tra i 20 e i 30 anni.

IL PICCO DI PAZIENTI GRAVI RICOVERATI

Secondo quanto confermato dalle autorità sanitarie giapponesi in giornata, è stato raggiunto sabato scorso il record di 1.521 pazienti affetti da Covid-19 ricoverati in gravi condizioni in tutto il Paese, cifra addirittura superiore a quella registrata nel picco primaverile, che si era fermato a 1.413, nel pieno di quella che era stata definita come “quarta ondata”. Tra le 47 prefetture del Paese, per numero di ricoveri al primo posto si conferma Osaka, nel Giappone occidentale, con 428 casi, seguita dalla capitale Tokyo con 227, Kanagawa con 191 e Saitama con 111.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»