Dopo Genova, il ponte della Magliana fa paura ma il Campidoglio rassicura

L'allarme di Remo Calzona, docente di tecnica della costruzioni alla Sapienza di Roma e allievo di Morandi: "Lo sanno tutti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il ponte della Magliana “presenta da tempo gravi difetti, non è mai stato collaudato, non sono state fatte prove di carico e di tensione. E’ un ponte fuorilegge da quando è stato aperto nel 1950″. Lo ha dichiarato Remo Calzona, docente di tecnica della costruzioni alla Sapienza di Roma. Un allarme lanciato dalle pagine del Corriere della Sera, pochi giorni dopo la tragedia del ponte Morandi di Genova in cui hanno perso la vita 38 persone.

Calzona è stato allievo di Morandi: “Accompagnai l’ingegnere a Maracaibo per studiare il bellissimo ponte di quella città che ha ispirato la struttura fatta poi a Genova”. Il docente aveva già lanciato l’allarme a gennaio in un convegno.

A metà anni Sessanta il Comune si accorse delle condizioni già critiche del ponte e istituì una commissione di inchiesta che arrivò alla conclusione che la struttura non andava utilizzata. Il fatto è che a quella decisione seguì un nulla di fatto, sopratutto perchè il ponte era molto utile per snellire il traffico nel quadrante sud ovest della città.

Il ponte della Magliana ha oggi elevate possibilità di un crollo– ha continuato Calzona al Corriere- il rischio di collasso è nell’ordine delle cose. Ha superato di quasi vent’anni il termine della vita di queste strutture e sono anni che i danni subiti sono sotto gli occhi di tutti“.
Il docente ha parlato di “fatica dei materiali”. “Il Campidoglio dovrebbe immediatamente chiudere il ponte ricordandosi che non è mai stato collaudato e che presenta da tempo forti segni di rischio crollo”.

ROMA. PONTE MAGLIANA, CAMPIDOGLIO: PER MANUTENZIONE STANZIATI OLTRE 2 MLN

L’Amministrazione capitolina per il ponte della Magliana ha stanziato a Bilancio 2018 oltre 2 milioni di euro per interventi di manutenzione straordinaria. Per la sicurezza dei 400 ponti di Roma Capitale, l’amministrazione esegue un regolare monitoraggio. Così in una nota il Campidoglio.Per tutte le opere di manutenzione urbana di viabilità inter-municipale (ponti, strade, gallerie) nel Bilancio 2018-2020 sono previsti oltre 90 milioni di euro. Inoltre sono stati stanziati circa 10 milioni di euro per servizi di sorveglianza. Sempre per il 2018 sono stati stanziati circa 5 milioni di euro dedicati a progettazione e manutenzione straordinaria dei ponti di Roma Capitale, con interventi programmati su tutto il territorio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»