Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Moretta (commercialisti): “Sud punti su export per sostenere le imprese”

Lo afferma il presidente dell'Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli, presentando il forum "Export e made in Italy: l'internazionalizzazione come strumento per lo sviluppo delle imprese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Sostenere le imprese, tutelare il Made in Italy e accompagnare le aziende nei processi di internazionalizzazione in uno scenario economico che a causa della pandemia mostra tante incognite ma che prospetta anche grandi opportunità di ripresa: l’Italia può e deve essere protagonista e lo deve fare con la forza delle sue imprese e del suo know how. Un ruolo decisivo può arrivare dal Sud, che deve essere determinante nella ripresa aumentando la quota export ascrivibile alle Regioni del Mezzogiorno”. Lo afferma Vincenzo Moretta, presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli, presentando il forum “Export e made in Italy: l’internazionalizzazione come strumento per lo sviluppo delle imprese. Digitalizzazione, innovazione e sostenibilità per il rilancio del Sud”, che si terrà domani, sabato 17 luglio dalle 10:30 all’Hotel Regina Isabella di Lacco Ameno a Ischia.

“Nel primo trimestre i dati italiani dell’export sono stati pari a 118 miliardi, superiori al record del 2019, quindi pre pandemia. La strada è tracciata – aggiunge Moretta – e il Sud la sta seguendo, con una crescita del 3,8%: sono dati incoraggianti che vanno consolidati”.
Al forum interverranno Luigi Di Maio, ministro degli Affari Esteri e della cooperazione internazionale; Laura Castelli, viceministro dell’Economia; Valeria Fascione, assessore della Regione Campania per Ricerca, Innovazione e Start Up.

“In questo contesto – spiega il numero uno dell’Odcec di Napoli – i commercialisti rivestono un ruolo fondamentale di accompagnamento alle aziende e e di sostegno concreto all’internazionalizzazione, con figure specialistiche in grado di affiancare le imprese nei percorsi verso l’estero. La professione è da tempo al lavoro per implementare la propria formazione come consulenti delle imprese che guardano all’estero e nello sviluppo di modelli di business adeguati all’internazionalizzazione”.

Alla manifestazione parteciperanno anche Giacomo Pascale, sindaco di Lacco Ameno; Carlo Ferro, presidente Ice; Mauro Alfonso, ceo Simest; Marco Bellezza, ceo Infratel; Simonetta Acri, Chief MID Market Officer Sace SpA; Antonio D’Amato, Gruppo Seda – presidente Fondazione Mezzogiorno.
Alla sessione pomeridiana, introdotta da Matteo Lorito, Rettore dell’Università degli Studi Federico II di Napoli, interverranno Alessandro Solidoro, componente Cndcec Consigliere delegato all’internazionalizzazione; Antonio Capaldo, presidente CDA Feudi di San Gregorio; Giuseppe Di Martino, Pastificio G. Di Martino; Fiammetta De Simone, De Simone Fratelli Srl; Aurelio Fedele, Componente CDA La Doria SpA; Giovanni Lombardi, presidente Gruppo Industriale Tecno; Costanzo Jannotti Pecci, ceo Palazzo Caracciolo SpA Industria Alberghiera; Giancarlo Carriero, presidente Convention Bureau Napoli; Carlo Palmieri, vicepresidente Pianoforte Holding – Yamamay e Carpisa; Giancarlo Lanna, componente cda Adler Sia – Automotiv e Aero Spaziale; Achille Coppola, consigliere segretario Cndcec, Edoardo Imperiale, direttore generale di Campania Digital Innovation Hub – Confindustria.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»