Maltempo, Comune di Palermo chiede lo stato di calamità naturale

Sono 11, attualmente, le famiglie rimaste senza un tetto a Palermo a causa del nubifragio di ieri che ha reso inutilizzabili le loro abitazioni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – Dopo il nubifragio di ieri, il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha comunicato poco fa in prefettura la richiesta, inoltrata ai governi regionale e nazionale, dello stato di calamita’ naturale “anche al fine di attivare strumenti veloci e snelli per il risarcimento dei danni ai privati e per affrontare l’emergenza”. Orlando ha preannunciato la richiesta ai ministri dell’Ambiente e del Mezzogiorno con i quali ha avuto stamattina due distinti colloqui, ricevendo assicurazioni sulla “massima attenzione e disponibilita’ del governo nazionale per sostenere quanto sara’ fatto a Palermo dal Comune e da tutte le istituzioni coinvolte”.

Il sindaco di Palermo ha poi disposto che sia attivato un indirizzo e-mail a cui i cittadini che hanno subito danni a beni immobili e auto potranno segnalarli “per la compilazione di un dossier a supporto della richiesta dello stato di calamita’ e per una piu’ accurata quantificazione dei danni”

DANNI ALLE ABITAZIONI: 11 FAMIGLIE IN ALBERGO

Sono 11, attualmente, le famiglie rimaste senza un tetto a Palermo a causa del nubifragio di ieri che ha reso inutilizzabili le loro abitazioni. Si tratta complessivamente di 28 persone, che al momento sono ospitate in alcuni alberghi della citta’ a carico del Comune. Nel corso di una riunione a Palazzo delle Aquile, sotto il coordinamento del vicesindaco Fabio Giambrone, e’ stato deciso che l’area dei Servizi sociali “prosegua con ogni necessaria forma di assistenza” alle famiglie rimaste fuori dalle proprie abitazioni. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»