Processo Rinascita-Scott, Bonafede: “Lamezia soluzione adeguata per celebrarlo in piena sicurezza”

Il Guardasigilli, Alfonso Bonafede, ha firmato il protocollo d'intesa col quale si definisce l'utilizzo di un immobile di 3.300 metri quadri individuato a Lamezia Terme
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il processo “Rinascita-Scott” si celebrera’ in Calabria. Il Guardasigilli, Alfonso Bonafede, ha firmato il protocollo d’intesa col quale si definisce l’utilizzo di un immobile di 3.300 metri quadri individuato a Lamezia Terme. “Un’operazione- spiega una nota di Via Arenula- finanziata e avvenuta sotto l’egida del ministero della Giustizia, con la preziosa collaborazione della Regione Calabria, del Demanio, degli uffici giudiziari di Catanzaro, dell’avvocatura e della struttura commissariale guidata da Domenico Arcuri, per garantire il rispetto delle misure sanitarie”. Il Guardasigilli ha affermato: “Ci siamo impegnati al massimo per trovare una soluzione adeguata affinche’ un processo che si prospetta molto importante in chiave di lotta alla criminalita’ organizzata si celebri in piena sicurezza, ma soprattutto, in Calabria”. Bonafede ha tenuto a ringraziare tutti i soggetti coinvolti “per la fattiva collaborazione” che permettera’ di avviare subito i lavori di adeguamento della struttura che servira’ da aula bunker anche per i processi futuri. 

LEGGI ANCHE: Ndrangheta, il processo Rinascita-Scott si terrà a Lamezia Terme

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»