Coronavirus, l’appello dell’Ordine dei medici di Roma: “Attenzione, persone troppo disinvolte”

Il Covid19 c'è ancora: l'età degli infetti si è abbassata. L'invito è a proteggersi e a rispettare il distanziamento fisico
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “I test sierologici stanno rivelando che ci sono molti asintomatici, persone che non sapevano di essere infette dal virus. E’ necessario tenere ancora alta la guardia”. E’ un nuovo appello quello lanciato da Antonio Magi, presidente dell’Ordine dei medici di Roma e provincia, intervistato da Teleradiostereo.

I bollettini della Regione Lazio sui casi di infezione da Covid-19 hanno mostrato che l’età media dei contagiati si è abbassata, e questo secondo gli esperti è dovuto a un allentamento delle misure di prevenzione e dell’uso dei dpi, soprattutto da parte dei giovani. “Sotto l’aspetto numerico i dati non sono preoccupanti- dice Magi- perchè il sistema messo in atto ha consentito di intercettare tutti i focolai, ma dobbiamo stare attenti. Mi rendo conto che siamo in estate e che c’è la necessità di uscire e socializzare, ma va tenuto a mente che il virus c’è ancora“. E più che sottolineare il fatto che molti casi sono ‘di importazione’, il numero uno dei camici bianchi capitolini preferisce “puntare l’attenzione sulla spiccata disinvoltura della gente, mentre è ancora necessario mantenere il distanziamento sociale, usare le mascherina – se si vuole anche di consistenza più leggera – e lavarsi le mani continuamente poichè sono il più grande veicolo di infezione”.

Chiusura riservata ad A.M.O. Roma (acronimo di App Mio Ordine Roma), strumento realizzato dall’Omceo per semplificare la vita ai medici e odontoiatri iscritti. “E’ stata scaricata da molte persone, in questo modo vogliamo essere più vicini, come Ordine, ai medici e far arrivare loro tutte le informazioni”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»