Sip: “Latte vaccino mai prima dei 2 anni, problema proteine”

Staiano (vicepresidente): "Che sia ok se scremato è credenza errata"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il latte vaccino “può essere inserito soltanto a partire dal secondo anno di vita”. Non è vero che “si possa usare anche prima se scremato, onde evitare l’eccesso dei grassi. Non è questo il problema”. Uno stop ai falsi miti popolari quello di Annamaria Staiano, vicepresidente della Società italiana di pediatria (Sip) e professoressa del dipartimento clinico di Pediatria nell’Azienda Ospedaliera Universitaria ‘Federico II’, settore di epatologia, gastroenterologia, endoscopia e motilità digestiva, intervistata dall’agenzia Dire. La verità, infatti, è che “non si tratta di un problema di grassi, perché questi sono presenti in quantità quasi uguali nel latte formulato e in quello materno. È la qualità dei grassi a cambiare e soprattutto– continua la professoressa di pediatria generale e specialistica- le proteine“.

Nel latte vaccino, infatti, le proteine sono “quasi il triplo, stimolano alcuni ormoni e rappresentano un fattore di rischio, fra i tanti, soprattutto per lo sviluppo dell’obesità”. Sulla sponda del ‘veg’, invece, la dottoressa Staiano conferma la linea secondo cui “gli studi non sembrano mostrare delle differenze tra macro e micro nutrienti nelle mamme che seguono un’alimentazione normale rispetto a quelle che fanno una scelta vegana o vegetariana. Ovviamente, se correttamente supportata dalle dovute integrazioni di vitamina B12, calcio o ferro”, aggiunge Staiano. In età pediatrica, invece, è importante “una dieta bilanciata e il supporto di un nutrizionista per evitare carenze di micro-nutrienti. Perché nel primo anno di vita queste possono portare a complicanze molto severe”, conclude la professoressa.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

16 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»