Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Cremonini debutta alla regia con un film su Lucio Dalla

Cremonini lucio dalla orizz
Uscirà nei prossimi mesi il biopic dedicato alla figura del grande artista bolognese, scritto e girato da Cremonini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Non solo musicista, cantante e scrittore, ora Cesare Cremonini si cimenta con il cinema. Tenderstories, società attiva nella creazione di contenuti originali e nella produzione audiovisiva e la società di produzione cinematografica Papaya Records, saranno i produttori del film dedicato alla figura artistica di Lucio Dalla, nato da un soggetto scritto da Cesare Cremonini, che sarà anche il regista del film. Il cantautore bolognese, impegnato nella scrittura del nuovo album e alla vigilia del grande ritorno negli stadi italiani che lo vedrà protagonista nel 2022, sta da tempo lavorando all’opera che affronterà alcuni momenti della carriera artistica di Dalla. Lo scrive in una nota Papaya Records.

Il film è coprodotto da Tenderstories di Moreno Zani, il cui amministratore delegato è Malcom Pagani, e da Papaya Records di Filippo Valsecchi. La pellicola si preannuncia come uno degli eventi cinematografici più importanti dei prossimi mesi.

Moreno Zani, Malcom Pagani e Filippo Valsecchi si dichiarano entusiasti: “È un progetto in cui abbiamo creduto molto fin da subito. Ringraziamo Cesare da cui è nata l’idea e siamo certi che da questa collaborazione sarà possibile far rivivere, attraverso un film, una figura fondamentale come Lucio Dalla: un’icona della musica italiana e, al tempo stesso, uno dei cantautori più celebri del nostro Paese. Abbiamo quindi deciso di omaggiare la sua grandezza artistica con questo contributo. Occorre puntare sulla cultura nella sua accezione più ampia e il settore cinematografico italiano rappresenta un’eccellenza da valorizzare, soprattutto in questa fase di ripartenza per l’Italia”.

Il film è ambientato principalmente a Bologna e sarà supportato dalla Emilia-Romagna Film Commission.

Tenderstories ha partecipato alla 77esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia co-producendo il film “Padrenostro” con cui Pierfrancesco Favino ha ricevuto la Coppa Volpi come miglior attore. Tra i molti progetti in lavorazione nel 2021 si segnalano altre coproduzioni: il prossimo film di Gianni Amelio, quello “americano” di Luca Guadagnino e due importanti documentari: uno per la regia di Marco Bellocchio e un altro, a firma di Elisa Fuksas, sulla figura di Ornella Vanoni.

Tenderstories fa parte del Gruppo Tendercapital, uno dei player internazionali indipendenti più dinamici, attivo nel settore dell’asset management. Fondato da Moreno Zani, ad oggi è presente in vari Paesi con uffici a Londra, Dublino e Milano.

LEGGI ANCHE: C’è Diabolik in fiera a Bologna, ma il vero colpo lo fa la città

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»