Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Maturità, le emozioni degli studenti del liceo Gullace di Roma

maturita liceo gullace roma
Dal timore per l'Esame al sollievo per il traguardo raggiunto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – C’è chi si rincorre agitando una bottiglia di spumante, chi esulta con gli amici e chi abbraccia i genitori che aspettano fuori dal portone. Ognuno a modo suo, gli studenti e le studentesse del liceo ‘Teresa Gullace’ di Roma esprimono la gioia di aver superato il tanto temuto esame di maturità. Il secondo della pandemia e dopo tanti mesi di didattica a distanza.

“Dopo quest’anno da incubo sono felicissimo che sia finito tutto– dice Luca, appena uscito dal cancello– anche se ero molto teso e mi sono un po’ confuso all’inizio, è andata, e questo è l’importante”. Le norme anti-Covid vengono rispettate rigorosamente; pochissimi gli studenti e le studentesse che aspettano nella piazza davanti al liceo, tutti con le mascherine sul viso e in gruppetti distanziati. La maggior parte di loro esce e si allontana subito con i genitori. “Con gli amici festeggeremo questo weekend andando al mare tutti insieme– dice Elisa- e con molti compagni di classe abbiamo prenotato un viaggio in Sicilia ad agosto”.

Chi deve ancora entrare, invece, sembra molto meno rilassato. “Dicono tutti che è un esame più facile– commenta Sofia mentre si sventola nervosamente con il foglio degli appunti- invece per me non è così. Odio le interrogazioni orali e l’esame sarà solo questo. Sarò strana io, ma per molte materie avrei preferito lo scritto, anche perché un’ora di orale è veramente tanto”. Fra i fortunati che hanno già finito oggi, molti festeggeranno stasera andando a vedere la partita degli europei Italia-Svizzera. “Noi andremo a vederla tutti insieme ai Fori Imperiali- dice Giacomo- anche un nostro amico che ha l’esame domani ha detto che verrà, perché non vuole più ripassare ed è sicuro che gli verrebbe l’ansia se restasse a casa”.

La maggior parte degli studenti e delle studentesse che escono alla spicciolata sembrano abbastanza soddisfatti della prova sostenuta. “Anche se all’inizio ho balbettato un po’, la parte dell’elaborato è andata bene– dice Amanda- per storia mi hanno fatto vedere un’immagine dell’incendio del Reichstag, all’inizio non l’avevo riconosciuto, poi sono riuscita a fare vari collegamenti e mi sembra di aver fatto una bella figura”. Per quanto riguarda i docenti, i ragazzi sono d’accordo: sono stati compresivi e non li hanno messi in difficoltà. “Però è stato comunque un incubo trovarsi in mezzo a tutti i prof seduti a ferro di cavallo, come un plotone d’esecuzione– scherza Gianluca- ma la tortura è finita, e adesso possiamo finalmente andare a rilassarci al Parco degli Acquedotti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»