Aboubakar Soumahoro ricevuto dal premier Conte: “La modifica dei decreti sicurezza è all’ordine del giorno”

Il sindacalista leader delle lotte dei braccianti migranti si era incatenato ai cancelli della residenza del governo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il sindacalista e leader delle lotte dei migranti Aboubakar Soumahoro è stato ricevuto dal premier Giuseppe Conte a Villa Pamphilj, dove si tengono gli Stati generali promossi dal governo.

Aboubakar Soumahoro si era incatenato questa mattina ai cancelli della residenza di governo per chiedere di essere ricevuto e promuovere cosi’ il rispetto dei diritti dei lavoratori agricoli privi di permesso di soggiorno.

Al termine dell’incontro, in un video pubblicato su facebook, Soumahoro dice: “Siamo appena usciti dall’incontro con il presidente del Consiglio Conte. Erano presenti anche il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, e la ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo. Vado immediatamente alle risposte che ci sono state date dal presidente del Consiglio. Sul tema della riforma della filiera agricola con l’adozione di una ‘patente del cibo’, il premier ha trovato questa proposta una ‘bellissima idea’”.

“La nostra seconda richiesta riguardava il piano di emergenza lavoro. Ci è stato chiesto di elaborare e di invare delle proposte, cosa che faremo con il contributo di ognuno di voi. La terza riguarda il tema dell’immigrazione. Il presidente ha detto che la modifica dei decreti sicurezza fa parte dell’accordo di governo e quindi è all’ordine del giorno e che interesserà il governo sulla nostra proposta di una regolarizzazione di tutti gli invisibili con un permesso legato all’emergenza sanitaria convertibile per attività lavorativa”.

“Questo risultato è merito della lotta, del contributo, della solidarietà e della simpatia umana di ognuna e ognuno di voi. Non è una questione dei braccianti, ma di tutti gli invisibili e di tutti gli esclusi. Grazie a tutti e grazie a tutte”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»