Ordine medici Roma: “Col Covid c’è stata la raccolta ‘Panini’ dei virologi, troppa confusione”

Il mea culpa del presidente dell'Ordine dei medici: "I medici stessi non conoscevano bene il virus e parlavano di ipotesi, abbiamo sbagliato tutti quanti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Credo che durante l’emergenza abbiano detto la loro un po’ troppe persone, forse si voleva fare una sorta di raccolta ‘Panini’ dei virologi…”. Così il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma, Antonio Magi, intervenendo oggi in diretta a ‘Radio Radio’.

Le persone vogliono avere certezze e non ipotesi– ha proseguito-. È chiaro che se qualcuno esprime con chiarezza la sua opinione e la dà per certa, la gente percepisce un tipo di messaggio. Ma se poi il giorno dopo qualcun altro dice esattamente il contrario, creiamo solamente confusione, ansia e insicurezza. Le persone si chiede: chi devo ascoltare?”.

Prima del Covid-19, ha ricordato Magi, c’erano “le fake news, per questo come Ordine abbiamo creato anche un sito per guidare i cittadini offrendogli un’informazione trasparente. Durante l’epidemia si è vissuto però un momento di grande incertezza, i medici stessi non conoscevano bene il virus e parlavano di ipotesi, potenzialmente tutte buone- ha sottolineato- poi però bisogna guardare l’evidenza scientifica. Quello che voglio dire, insomma, è che abbiamo sbagliato tutti quanti– ha concluso Magi- nel senso che ognuno di noi ha parlato in base alla propria esperienza”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»