Zampa: “Ministero sigla due protocolli per l’infanzia”

Il primo con Sip e Save the children, l'altro per i bambini ospedalizzati
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Come ministero della Salute abbiamo già siglato due protocolli d’intesa che vanno nella direzione di sviluppare subito una strategia per il diritto alla salute, costituzionalmente garantito, per i bambini. Un primo protocollo è stato firmato con la Società italiana di Pediatria (Sip) e Save the Children“. Esordisce così Sandra Zampa, sottosegretario alla Salute con delega alla Pediatria e alla Salute Mentale, a margine della conferenza stampa all’Auditorium Cosimo Piccinno, in cui sono stati presentati i risultati dello studio ‘Impatto psicologico e comportamentale sui bambini delle famiglie in Italia‘. Questo protocollo, puntualizza il sottosegretario, riguarderà “un piano di interventi rivolti a bambini, adolescenti e genitori in fase di emergenza e post-emergenza. Infatti, non dobbiamo mai dimenticare quanto siano importanti i genitori e quanto debbano essere i primi informati e in grado di condividere con i bambini questa fase-commenta Zampa- cercando di capire anche dietro i loro silenzi che cosa c’è che non va. I silenzi dei bambini vanno sempre letti e interpretati”. Il secondo protocollo invece è ‘Crescere a distanza‘ ed è stato siglato con la fondazione Zancan e il contributo della fondazione ‘Con i bambini’.

“È un protocollo a cui tengo molto- precisa la sottosegretaria alla Salute- che si rivolge ai bambini ospedalizzati sulla questione dell’apprendimento a distanza. Si tratta di bambini che per il tipo di patologie e di terapie non possono entrare in contatto né con gli adulti né con i coetanei, e non potranno sicuramente farlo neanche in questo momento- illustra il sottosegretario- Ecco, per questi bambini stiamo cercando di capire se nella loro formazione la distanza si possa accorciare in qualche modo, anche se può sembrare un paradosso. Naturalmente per loro l’uscita reale da questa emergenza avverrà soltanto quando ci sarà un vaccino a disposizione”.

LEGGI ANCHE: Aumento dei disturbi del sonno e dell’ansia, ecco lo studio sul lockdown nell’infanzia

Proprio oggi, inoltre, “l’Istituto superiore di sanità ha licenziato un rapporto sulla salute mentale nei minori durante la pandemia Covid-19, e questo va nella direzione che ho cercato di indicare”. La volontà del ministero “è quella di sviluppare subito una strategia per il diritto alla salute, a partire anche da iniziative che facciano recuperare ai nostri bambini e ai nostri ragazzi un tempo che gli è stato sottratto- conclude Zampa- in termini di gioco, di educazione, e anche restituendo loro il più possibile la serenità che gli spetta”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»