La tartaruga ‘Diego’ ha salvato la specie, ora va in pensione

La specie delle tartarughe giganti di espanola era a rischio estinzione, ma Diego ha generato almeno 800 discendenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ha salvato la sua specie dall’estinzione grazie alla libido e, dopo un servizio di 40 anni, e’ arrivato il momento della pensione. Diego, la tartaruga gigante che si pensa abbia generato almeno 800 discendenti, e’ tornato a casa, sull’isola inabitata di Espanola, nelle Galapagos.

Per circa 50 anni l’esemplare ha fatto parte di un programma di riproduzione a Santa Cruz, volto a ripopolare la specie di tartarughe giganti di Espanola (Chelonoidis hoodensis).

Negli Anni 60, sulla remota isola si contavano appena 14 individui, di cui solo 2 maschi non in eta’ da riproduzione. La minaccia di estinzione era reale.

Grazie agli sforzi mondiali fu trovato Diego, un esemplare maschio e prestante di tartaruga gigante di Espanola, che dagli Anni 20 era ospite dello Zoo di San Diego. Fu inserito nel programma di riproduzione a Santa Cruz e da allora si stima abbia contribuito alla nascita del quaranta percento degli oltre 2000 esemplari nati sull’isola.

Alla veneranda eta’ di 100 anni, Diego e’ andato in pensione ed e’ stato riportato a Espanola insieme ad altre 25 tartarughe giganti del programma.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»