Il 19 giugno a Roma si parla di eccellenti comunicatrici: insieme ai fatti la cura

Alle ore 19 a Roma, a Villa delle Palme. Promosso dalla senatrice Paola Binetti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – ‘Donne che informano‘, ‘Donne in una società inquieta’. E’ il titolo di un incontro, che sarà trasmesso anche in versione estesa su piattaforma online, promosso dalla senatrice Paola Binetti, al lavoro da tempo sulla costruzione di un percorso culturale e politico di leadership al femminile, nel mondo cristiano cattolico. “L’obiettivo fondamentale di questo incontro- ha dichiarato la senatrice Binetti, intervistata dalla Dire- è che riteniamo che le donne possono essere eccellenti comunicatrici, non solo ‘quando le cose vanno bene’ e bisogna comunicare gioia e serenità, ma anche di fronte al tema della ‘cattiva notizia’. Questo perché- ha spiegato- alla notizia annunciata accompagnano sempre il gesto della solidarietà, l’approccio di cura, il messaggio ‘non sarai lasciato solo o sola’, ‘ti sarò accanto per costruire una risposta positiva’ di fronte allo smarrimento che le cattive notizie lasciano in chi ascolta. Quella delle donne non è mai una comunicazione solo di parole e fatti, ma ha sempre il messaggio dell’accompagnamento, dell’impegno propositivo e quindi la dimensione etica”.

L’incontro è fissato per venerdi, alle 19, a Villa delle Palme (Lungovetere delle Armi 12), a Roma. Parteciperanno la Sottosegrataria alla Salute, Sandra Zampa; Lorenza Rei, Rettrice Vicaria E-Campus Università, già Direttrice generale RAI ed Elisabetta Gramolini, giornalista freelance. A moderare è la giornalista Silvia Mari, responsabile della redazione DireDonne dell’agenzia di stampa Dire. Per accreditarsi si prega di inviare una mail di richiesta a giuliadibella27@gmail.com.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»