In Abruzzo è di nuovo caos sull’A14, Cna: “Sconti ai trasportatori”

File interminabili e corsie ridotte
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PESCARA – Dopo mesi di lockdown torna l’incubo delle code sulla A14. Un problema su cui oggi interviene anche la Cna chiedendo lo sconto sui pedaggi per i trasportatori. I lavori in corso tra Abruzzo e Marche fanno dunque ripiombare nell’incubo tutti i mezzi che percorrono il tratto autostradale tra Pescara Nord e Fermo-Porto San Giorgio. Corsie uniche, cambi di carreggiata anche in gallerie e viadotti e restringimenti causati dai sequestri disposti dall’autorità giudiziaria, continuano dunque a creare problemi, soprattutto, denuncia la Cna, agli operatori professionali.

LEGGI ANCHE: Caos a14, nuova istanza di dissequestro del viadotto Cerrano. Marsilio: “Se c’è rigetto chiederò la nomina di un Commissario”

VIDEO | Caos A14, gli abruzzesi sdrammatizzano con cover e parodie

“Ora che il traffico è tornato come prima del Covid – dice il presidente regionale di Cna Fita Abruzzo, Gianluca Carotala situazione si è fatta decisamente problematica per gli operatori del trasporto, che devono scontare tempi di percorrenza biblici nei due sensi di marcia. Lungi da noi criticare o contestare interventi necessari per la messa in sicurezza dell’arteria – prosegue -, ma questa esigenza va bilanciata con i problemi che si trova ad affrontare una categoria, come gli autotrasportatori, su cui pesa mai come in questo momento l’esigenza di assicurare nel Paese un sistema di approvvigionamento e consegna delle merci efficace e tempestivo”.

Carota chiede quindi che si mettano in campo “misure compensative che bilancino i disagi che siamo costretti ad affrontare“. Una soluzione possibile sarebbe dunque quella di “prevedere sconti sul pagamento del pedaggio, visto che i tempi di legge alla guida dei mezzi contemplano soste obbligatorie, anche se sei stato fermo in coda per ore”. Il presidente regionale Cna Fita chiede anche di velocizzare i lavori dei cantieri consentendone magari l’apertura h24 se non ancora prevista, “anche perché – conclude – nelle prossime settimane dovremo fare i conti con un prevedibile incremento del traffico turistico”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»