Corruzione nei traporti a Capri, tre misure cautelari

I provvedimenti hanno raggiunto un dirigente della Città metropolitana di Napoli e due imprenditrici operanti nel settore dei trasporti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI –  Corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio e quello del falso ideologico commesso da un pubblico ufficiale. Questi i reati ipotizzati nei confronti di un dirigente della Citta’ metropolitana di Napoli, Giuseppe De Angelis, e di due imprenditrici operanti nel settore dei trasporti, riguardanti in particolare l’isola di Capri: Roberta Ramona Mazzarella e Anna La Rana. L’ordinanza di applicazione di misure cautelari emessa dal Gip del Tribunale di Napoli e’ stata eseguita dal Nucleo di Polizia economico-finanziaria della guardia di finanza di Napoli. Contestualmente alla esecuzione dell’ordinanza la polizia giudiziaria ha eseguito diverse perquisizioni. Per Giuseppe De Angelis e’ scattata l’interdizione dal pubblico ufficio e l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, misura valida anche per la 45enne Roberta Ramona Mazzarella per la quale e’ stato anche disposto il divieto temporaneo di esercitare attivita’ d’impresa. Sulla 75enne Anna La Rana grava il divieto di dimora a Capri. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»