Siria, l’annuncio di Mosca: “Abbiamo ucciso Al-Baghdadi”

Sarebbe accaduto il 28 maggio. Il ministero della Difesa russo diffonde la notizia, aggiungendo che i funzionari sono al lavoro per verificare la veridicità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Due jet modello Su-34 e Su-35 sarebbero stati i responsabili di un attacco che, il 28 maggio, avrebbe ucciso a Raqqa il Califfo Al-Baghdadi, il leader indiscusso del gruppo Stato islamico (Is).

È il ministero della Difesa di Mosca a diffondere solo oggi la notizia, aggiungendo che i funzionari sono al lavoro per verificarne la veridicità. Nel raid aereo avrebbero perso la vita anche circa 30 comandanti e 300 jihadisti neri, che l’agenzia ‘Tass’ definisce “le guardie del corpo” del Califfo.

Al momento la notizia non trova conferma ne’ sull’agenzia ‘Amaq’, megafono del gruppo armato, ne’ su testate notoriamente attente alle vicende siriane come l’Osservatorio siriano per i diritti umani (Sohr) o Al-Jazeera.

LEGGI ANCHE Dal Qatar isolato agli attacchi di Teheran, nel Golfo è crisi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»