hamburger menu

L’Union Valdôtaine torna nell’Alliance libre européenne

Lo ha deciso l'assemblea generale riunitasi a Las Palmas, nelle Canarie

union valdotain efa

AOSTA – L’Union Valdôtaine, lo storico partito autonomista valdostano, torna a far parte dell’Alliance libre européenne, che raggruppa i movimenti autonomisti e indipendentisti europei. Lo ha deciso l’assemblea generale dell’Ale, riunitasi questa mattina a Las Palmas, sull’isola di Gran Canaria.

L’Uv affiancherà Alliance Valdôtaine, componente dell’Ale dal 2010: i due movimenti valdostani lavoreranno insieme “per la costruzione di un’Europa dei popoli e per una Valle d’Aosta più forte e più solida al suo interno” e si augurano “di saldare ulteriormente le tappe per una ricomposizione dell’area autonomista e pluralista” nella regione alpina, si legge in una nota.

“Per l’Union Valdôtaine si tratta di un ritorno, visto che è stata tra i fondatori dell’Ale e ha continuato a condividerne i principi”, afferma Michel Martinet, delegato dell’Uv all’assemblea e sindaco del Comune di Gressan. “Saremo quindi ancora più impegnati a condividere i valori su cui si fonda l’Unione Europea, per la creazione di un di una vera Europa dei popoli”, aggiunge.

Per Frédéric Piccoli, animateur principal de la Jeunesse Valdôtaine, la giovanile del Mouvement, è importante “avere un riferimento europeo con cui condividere i principi di autodeterminazione e di autonomia delle popolazioni minoritarie e per confrontarsi sulle nuove sfide”. Piccoli ha anche partecipato ai lavori della sezione dei giovani di Efa Young.

“In questi anni- aggiungono i referenti di Av Albert Chatrian, Pietro Varisella et Chantal Certan, che hanno votato a favore dell’adesione dell’Uv all’Ale- abbiamo sempre lavorato per portare avanti i valori principali della montagna, convinto che l’Europa debba coinvolgere tutti i popoli nel processo decisionale politico, al fine di creare un’unione più democratica, prospera per tutti e rispettosa della sua vera diversità”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-05-16T20:16:06+02:00