hamburger menu

Dal 16 maggio via mascherine per i voli in Europa, ma in Italia resta

Obbligatoria fino al 15 giugno

mascherina

ROMA – Le restrizioni anti Covid-19 si allentano un po’ ovunque. Da oggi, infatti, è caduto l’obbligo di indossare la mascherina per i passeggeri che viaggiano a bordo degli aerei che solcano i cieli di tutta Europa. Da oggi non è inoltre più obbligatorio indossare il dispositivo di protezione nemmeno all’interno degli aeroporti. Lo prevede un documento congiunto siglato nei giorni scorsi dall’Agenzia dell’Unione europea per la sicurezza aerea (Easa) e dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc). Nonostante questa decisione, sui voli in partenza dall’Italia la mascherina si continuerà ad utilizzare. In base all’ordinanza in vigore è infatti previsto l’obbligo di indossare il dispositivo di protezione sui mezzi di trasporto ed aerei fino al prossimo 15 giugno. Secondo quanto previsto dalla regolamentazione dell’Ente nazionale dell’aviazione civile (Enac), ai passeggeri in partenza dallo scalo romano di Fiumicino con voli delle compagnie Lufthansa, Air France, Swiss e Austrian Airlines, Singapore Airlines e di tante altre viene chiesto di continuare ad indossare il dispositivo di protezione di naso e bocca di tipo Ffp2. Nei giorni scorsi Easa ed Ecdc hanno tenuto a sottolineare che il dispositivo di protezione rimane una delle difese migliori contro la trasmissione del Covid-19 e che il suo uso è fortemente raccomandato per le persone che tossiscono o starnutiscono e per tutte quelle classificate come ‘fragili’.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-05-17T11:22:22+02:00