Parlamentari vittime di hacker, profili clonati per chiedere soldi

telefono
Tra i coinvolti l'onorevole Gianfranco Rotondi e la senatrice Maria Rizzotti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’onorevole Gianfranco Rotondi ed altri parlamentari sono rimasti vittima di una truffa orchestrata da esperti hacker, i quali hanno clonato il loro profilo WhatsApp e lo usano per chiedere gli estremi delle carte di credito. Ne dà notizia lo stesso Rotondi. “Ieri – spiega l’esponente di Forza Italia – è stato carpito il mio profilo WhatsApp da esperti hacker, ed è in corso una truffa brillantissima: chiedono a tutti i contatti l’invio della carta di credito, e molti abboccano”. Rotondi ha cercato di fermare la truffa, risalendo direttamente a chi gestisce la app della chat: “Cerco invano di contattare WhatsApp, è possibile solo tramite mail, ma la mia denuncia viene lavorata con ritmi consueti e non con l’urgenza del caso. Risultato: dopo ore non viene bloccato il mio profilo, e la truffa continua. Viene da dire: in che mani è la nostra sicurezza di comunicazione?”, si chiede il deputato. Vittima della truffa sarebbe anche la senatrice Maria Rizzotti, insieme ad altri colleghi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»