Medio Oriente, Vauro al sit-in di Roma: “Vi racconto la Palestina che resiste”

vauro palestina
Il vignettista ha partecipato alla manifestazione a piazza dell'Esquilino in solidarietà con il popolo palestinese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – C’era anche il vignettista Vauro tra i duemila partecipanti al sit-in ‘Salviamo Gerusalemme dalla pulizia etnica’ organizzato sabato pomeriggio a piazza dell’Esquilino a Roma in solidarietà con il popolo palestinese. “Sono stato testimone delle violenze di Israele sui palestinesi dalla prima Intifada finché il democratico governo israeliano non mi ha messo nella lista degli indesiderati. Non posso più tornare e la Palestina mi manca”, ha raccontato il vignettista, che nel corso dei suoi viaggi, riferisce di aver visto “militari con manganelli rinforzati in metallo rompere le braccia ai bambini che lanciavano sassi“.

LEGGI ANCHE: Medio Oriente, duemila persone a Roma per la Palestina: “Come l’Italia sotto il nazifascismo”

Ma il suo, assicura Vauro Senesi, vuole essere anche un intervento “sulla bellezza”: “Un giorno assistevo allo sgombero di una famiglia, uno di quegli episodi visti anche in questi giorni a Gerusalemme Est che hanno dato inizio alle violenze. Mentre i soldati occupavano la casa, la famiglia palestinese stava fuori, nell’orto. A un tratto – continua Vauro – arriva una ragazza, così bella che i soldati restano spiazzati. Lei cammina verso il suo albero di albicocco, stacca un frutto e lo mangia, quasi con sensualità. I soldati sono sempre più confusi, non sanno come comportarsi. Quando la ragazza finisce, gli sputa il nocciolo addosso. Ecco, questa è la bellezza della Palestina e della sua resistenza”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Medio Oriente, Israele bombarda e distrugge palazzo che ospita Al Jazeera e Associated Press

Medio Oriente, Mills (Peace Now): “Pace solo con la soluzione dei due stati”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»