Giorgia Meloni e la protesta al tempo del Covid: “Il 2 giugno manifesteremo il dissenso con fantasia”

"Non sara' una manifestazione tradizionale modello piazza San Giovanni", spiega la leader di FdI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Tenetevi pronti: il 2 giugno abbiamo deciso di organizzare un’iniziativa per dare voce agli italiani. Chiaramente non sara’ una manifestazione tradizionale modello piazza San Giovanni o modello piazza Montecitorio, ma il fatto che non si possono fare manifestazioni tradizionali perche’ vogliamo rispettare le regole sulle distanze tra le persone e che dicono che non si puo’ andare da una regione all’altra, non significa che con la fantasia non si possano trovare strumenti per manifestare il proprio dissenso”. Lo dice Giorgia Meloni, presidente di Fdi, in un video su Facebook.

Meloni parla di “dissenso verso un governo che ha limitato la liberta’ degli italiani a colpi di decreto, che non ha ancora dato alle aziende le risposte di cui hanno bisogno tagliato perche’ sta li’ a occuparsi di sanatorie indiscriminate per gli immigrati clandestini e di scarcerazione di centinaia di boss mafiosi. Noi vogliamo dire che la pazienza e’ finita e lo vogliamo fare ovviamente col vostro aiuto. Vi faremo sapere nelle prossime ore, giorni quali saranno le modalita’ per poter partecipare questo evento che chiaramente vorremmo condividere con tutto il centrodestra. Il 2 giugno e’ il giorno in cui gli italiani tornano a parlare di liberta’ e di orgoglio”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»