Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | La protesta dei tifosi del Palermo: “Rispettate i nostri colori”

Prima sit-in silenzioso davanti al Teatro Massimo, illuminato di rosa. Poi il corteo per il centro della città
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Dopo un avvio soft davanti al teatro Massimo di Palermo, si è accesa la protesta dei tifosi rosanero, ieri sera, contro la retrocessione del club in serie C, decisa dal tribunale della Federcalcio per un presunto illecito amministrativo, e la presa di posizione del Consiglio direttivo della Lega di serie B che ha dato il via ai play off promozione senza attendere il verdetto d’appello della giustizia sportiva. I tifosi del Palermo hanno riempito le strade del centro e hanno acceso fumogeni intonando il coro: “Rispettate i nostri colori”.

Prima del corteo, la tifoseria si era riunita davanti al teatro Massimo, con le luci della facciata fisse sul rosa. Il sindaco, Leoluca Orlando, ha fatto sapere di avere dato formalmente mandato all’Avvocatura comunale di verificare, anche ma non solo in raccordo con la società, la possibilità di azioni legali. Analoga decisione è stata annunciata dal governatore Nello Musumeci: “Valuterò con l’Ufficio legislativo e legale se esistono le condizioni per agire in giudizio a tutela della immagine della nostra Regione e dei danni potenziali che derivano al nostro territorio”, ha affermato il presidente della Regione Siciliana.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»