Governo, Calenda: “Con quel piano Italia rischia distruzione”. Monti: “Ridurre debito? Nè in cielo nè in terra”

Per Monti quella di ridurre il debito è un'idea "assolutamente infattibile" che può "gettare una luce pericolosa e antipatica sull'Italia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sto criticando un programma di Governo. Non una dichiarazione o un tweet. Se quello è il piano il paese corre un rischio mortale e occorre mobilitarsi sul serio per evitare che venga distrutto. Imprese, lavoratori e cittadini. A prescindere dal partito di provenienza”. Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo economico, lo scrive su Twitter rispondendo a un utente su tema del programma Lega – M5S.

MONTI: “IDEA CANCELLAZIONE DEBITO NON STA NÈ IN CIELO NÈ IN TERRA”

Ci sono “idee assolutamente infattibili che gettano una luce pericolosa e antipatica sull’Italia. L’idea della cancellazione del debito italiano nelle mani della Bce non sta ne’ in cielo ne’ in terra”, soprattutto se “presentata da un singolo paese e in questo modo”. Lo dice Mario Monti a Rainews 24. Per Monti questo “puo’ alimentare gli stereotipi” secondo i quali “gli italiani non sono pronti a onorare gli impegni presi”. E poi emerge “la convinzione, in alcuni partecipanti all’elaborazione del programma di governo, che per fare piu’ crescita possiamo sottrarre risorse agli italiani del futuro, ai nostri figli e nipoti che tanto non se ne accorgono”. Insomma, sottolinea Monti, abbiamo “lottato anni per liberare l’Italia da questi stereotipi”.

LEGGI ANCHE

Governo “al tratto finale”, oggi si chiude? Quella bozza di contratto ‘superata’

Di Maio: “Contratto quasi pronto, lo abbiamo fatto in 6 giorni. Con noi 17 milioni di italiani”

M5S-Lega, riparte il tavolo tecnico. Salvini: “Servirà fortuna”

Governo, la verità di Sapelli: “Mia candidatura bloccata da Bruxelles”

Ti potrebbe interessare anche:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»