Roma, maxi perquisizione in campo nomadi via Candoni: tra le armi sequestrate anche spade

Dopo attacchi a mezzi e autisti del limitrofo deposito Atac
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print






ROMA – È iniziata questa mattina all’alba una imponente operazione di perquisizione all’interno del campo nomadi di via Candoni. In esecuzione di un decreto della Procura della Repubblica di Roma, 400 caschi bianchi, diretti dal Comandante Antonio Di Maggio, hanno eseguito perquisizioni in tutti i moduli abitativi della struttura. Le attività, volte alla ricerca di armi, sono state disposte in seguito agli episodi che hanno visto i mezzi e gli autisti del limitrofo deposito Atac essere oggetto di “tiro al bersaglio” da parte di abitanti del campo, per il tramite di pistole e fucili ad aria compressa.  Gli agenti hanno rinvenuto finora un discreto numero di armi bianche tra cui coltelli, pugnali e mazze. Rinvenute anche alcune pistole ad aria compressa. Sono state rinvenute e sequestrate anche delle spade. Sul posto anche le unità cinofile dei Carabinieri, il nucleo Forestale, i militari della stazione Eur Torrino e il personale dell’ufficio sicurezza Atac. Secondo quanto si apprende, oggetto di ricerca sarebbero anche eventuali indizi o collegamenti con i danneggiamenti e i furti registrati nella rimessa Atac Magliana che si trova in viale Luigi Candoni 101.

Leggi anche

Roma, sgombero nomadi da ex stabilimento Mira Lanza

Roma, al via piano vaccini per bimbi in campi nomadi: c’è anche Osa

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»