Sondaggio WikiRoma: “La capitale è un disastro, soprattutto per le donne”

ROMA - Il 'disastro' di Roma colpisce
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

turismo roma

ROMA – Il ‘disastro’ di Roma colpisce soprattutto le donne. È questa la conclusione più sorprendente della ricerca realizzata da Format Research per Wikiroma, il gruppo di volontari che da tempo offre idee, progetti e studi dedicati a Roma. Wikiroma ha condotto un’indagine sull’opinione della popolazione sulla qualità della vita a Roma e sui temi centrali della città. L’indagine è stata condotta a maggio e ha interessato un campione significativo (1.000 persone) rappresentativo dei romani ed è stata presentata oggi pomeriggio presso il Luiss EnLab di via Giolitti alla presenza di Roberto Giachetti, candidato sindaco di Roma del centrosinistra e vicepresidente della Camera e di Linda Lanzillotta, vice presidente del Senato. Interrogati sulla qualità della vita a Roma, un romano su quattro dichiara che è un disastro e che vivere a Roma è impossibile.

Il 70% pensa che la città abbia problemi più o meno gravi che rendono difficile viverci, mentre solo il 5,1% pensa che si esageri molto sui media e che a Roma si viva bene. Analizzando il dato sulla base del livello d’istruzione dei Romani, emerge una conclusione clamorosa, perché il ‘peso’ di vivere a Roma si dimostra particolarmente gravoso per quella fascia di popolazione che ha un basso livello di istruzione, che addirittura pensa che Roma sia un disastro il 41,8%, mentre dello stesso parere è solo l’8,5% dei laureati. Una differenza che si ritrova anche nella differenza di genere, perché sono soprattutto le donne (26%) più che gli uomini (23,6%) a ritenere Roma un disastro dove è impossibile vivere.

maratona di roma_1Ma qual è il principale problema dei romani? Tra i principali indicati per priorità è la sporcizia, decisamente al primo posto, con un romano su quattro che la identifica come prima criticità da affrontare. A seguire sono il mancato rispetto delle regole (il 16,4%) e la corruzione (14,9%). Viene anche indicato il problema dei rom (10,7%) come molto rilevante. Altri temi che pesano sono la mancanza del lavoro (13,8%) che aggrava le condizioni economiche delle persone e l’eterno problema del traffico (10,6%), mentre la criminalità viene percepita come un problema meno rilevante (5,8%). “I romani vogliono regole, vogliono rispetto, soprattutto le persone più deboli– afferma Stefania Gliubich, cofondatrice di Wikiroma e candidata al Comune per la Lista civica Giachetti- perché il peso dell’inefficienza lo pagano soprattutto loro. Lo pagano le donne. Abbiamo idee che possono cambiare Roma. Anzi, cambiare Roma è proprio un lavoro da donna. Le donne a Roma sono abituate a risolvere problemi di ogni tipo a ogni momento. Le donne sono una forza della città”.

I romani sono decisamente favorevoli alle Olimpiadi, con il 74,6% a favore e il 25,4% contrari. Una domanda è stata anche posta sulle qualità che il sindaco di Roma futuro deve avere: i romani pensano che la prima qualità debba essere la competenza (41,4%), seguita dall’onestà e dalla morale (32,4%), il coraggio, pur qualità importante è al terzo posto (24,4%). Alcune indicazioni sono date anche rispetto alla decisione di votare, pensa di farlo il 62,9%, mentre non pensa di andare alle urne il 37,1%. La partita elettorale è completamente aperta secondo il sondaggio: il 31,1% dei romani ha deciso per chi votare, ma il 31,8% è indeciso ancora sul nome, mentre, appunto, il resto non pensa di andare alle urne.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»