Polo moda, Rete-Lbsm-Lazzari: “Parta pure l’affare, speriamo porti qualche vantaggio”

SAN MARINO - "Nonostante lo sbilanciamento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

San Marino piazza

SAN MARINO – “Nonostante lo sbilanciamento di forze a favore del ‘No’, la cittadinanza ha premiato tre quesiti e si è letteralmente spaccata in due sul Polo”, così Rete, Liberamente San Marino e il consigliere indipendente Luca Lazzari commentano l’esito del voto referendario di ieri. “Su quattro quesiti proposti dai comitati referendari- riferiscono i consiglieri per i 4 Sì- tre referendum sono passati ed uno, quello sulla variante di Rovereta, è stato un testa a testa fino all’ ultima scheda”. L’alta partecipazione al voto, “quasi il 70%” dell’elettorato, va in barba a chi diceva che i quesiti erano solo i capricci di una sparuta minoranza“, sostengono Rete &co. Di fatto, per i consiglieri di opposizione il dato principale che emerge è che nonostante gli schieramenti scesi in campo, in tre referendum su quattro l’hanno spuntata i ‘sì’.

Eppure il fronte dei ‘no’ era ampissimo: “Da un parte- osservano- tutta la maggioranza in blocco, sostenuta da parte dell’opposizione con Su-Labdem, e alcuni consiglieri di C10”. Non solo: “Anche il governo, la Csdl e il direttore di Rtv- proseguono- si sono schierati con 4 no”. A dargli man forte anche “società promotrici e costruttori- aggiungono- promettendo posti di lavoro a destra e a manca”. Mentre dall’altra parte restavano “Rete, Liberamente San Marino e Luca Lazzari e le forze della società civile”. Resta poco da dire sull’unico referendum che non ha raggiunto il quorum: “Parta pure l’affare del Polo– mandano a dire- e ci auguriamo che possa portare anche solo un decimo dei vantaggi propagandati irresponsabilmente da una politica di Palazzo sotto ricatto e incapace di fare gli interessi del paese”. Rete, Lbsm e Lazzaro infine assicurano di vigilare “affinché l’esito dei referendum vittoriosi verrà tradotto in legge”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»