Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Al Luna park ruspa-gioco con Salvini: “I want you”

BOLOGNA - Dopo le dichiarazioni sull'eliminazione dei campi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Ruspa-Salvini

BOLOGNA – Dopo le dichiarazioni sull’eliminazione dei campi rom, la ruspa è diventata un simbolo costantemente affiancato alla figura del segretario della Lega nord, Matteo Salvini, competendo in popolarità con il più classico Sole delle Alpi e il tradizionale Alberto da Giussano. Un binomio, quello tra Salvini e la ruspa, che a quanto pare non risparmia neanche il gioco dei più piccoli. Succede tra le giostre del luna park che in queste settimane è allestito al Parco nord di Bologna. In mezzo ai vari giochi, infatti, c’è anche un escavatore in miniatura (verde Lega, peraltro) con il quale i bimbi possono smuovere della terra. Che c’entra il leader del Carroccio? C’entra perchè sul recinto metallico che contiene la terra c’è proprio lui, Salvini, ritratto in fotografia con tanto di scritta rivolta verso chi siede sul piccolo escavatore: “I want you”.

La segnalazione arriva da un genitore che ieri, passeggiando nel luna park con i figli, ha notato il gioco ed ha scattato una fotografia. Per il papà, l’accostamento tra giostrina e Salvini dovrebbe far riflettere: “Insegnare ai bimbi e ai ragazzi i valori dell’accoglienza, della solidarietà e dell’integrazione richiede uno sforzo quotidiano immane. Quando addirittura in un luna park, che dovrebbe essere una zona totalmente franca, trovi il faccione di Salvini che intima ai bimbi di utilizzare la ruspa per giocare con la terra, rimani davvero sconcertato”. Aggiunge il genitore: “È vero che si tratta solo di un gioco, ma allora perché propagandare anche nel gioco il fanatismo leghista? Questa è l’ennesima dimostrazione che il razzismo, nella nostra società, ormai si è sedimentato davvero in profondità”.

di Maurizio Papa, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»