Covid, il ‘caso’ Caltanissetta: dal 14 marzo in zona rossa

controlli-dpcm_coronavirus-scaled
La cittadina siciliana sta per raggiungere 40 giorni di blocco quasi totale delle attività economiche
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – “Caltanissetta è un caso nazionale e come tale deve ricevere massima attenzione da parte di tutte le istituzioni. La città, zona rossa ormai dal 14 marzo, sta per raggiungere 40 giorni di blocco quasi totale delle attività economiche. Ad ogni giorno in più di chiusura, corrisponde un aumento delle difficoltà, sia economiche che psicologiche, per cittadini e imprese che sono esasperati e giustamente non ce la fanno più”. A lanciare l’allarme sono il deputato alla Camera Dedalo Pignatone, il deputato all’Ars Nuccio Di Paola, il sindaco di Caltanissetta Roberto Gambino e l’assessore comunale alle Attività produttive Grazia Giammusso che hanno avuto un incontro in video-conferenza con la sottosegretaria al Sud Dalila Nesci.

“Al centro dell’incontro, – dicono i rappresentanti del territorio a più livelli del Movimento 5 stelle – la volontà di portare all’attenzione del governo nazionale il grido di aiuto di una comunità e di un intero territorio, ormai allo stremo, e la volontà di trovare soluzioni per uscire dalla crisi che sta colpendo il Nisseno. Adesso, siamo a lavoro – continuano – per capire come rendere possibili riaperture in sicurezza a stretto giro: sono necessari protocolli sanitari per la ripartenza di tutti i comparti economici costretti alla chiusura. Al contempo, con la sottosegretaria Nesci, abbiamo discusso circa le possibilità di rilancio delle nostre aziende e di sviluppo del territorio: dai fondi per il Sud, considerate anche le enormi risorse del PNRR destinate al Mezzogiorno, alle Zes (Zone economiche speciali) ormai ad un passo dall’avvio”. “Proprio le Zes – conclude Pignatone, che dell’istituzione delle zone economiche speciali si è occupato in prima persona alla Camera – possono offrire importanti opportunità alle aziende del territorio, in considerazione dei danni economici e della complessa situazione sanitaria. Una delle zone speciali riguarda proprio il territorio di San Cataldo Scalo e Caltanissetta zona industriale, e tra le proposte avanzate vi è quella di lavorare alla valorizzazione delle aree principali della provincia nissena, rafforzando il collegamento Gela-Caltanissetta e quindi, la necessità di avviare una sinergia con l’area portuale di Gela”.

LEGGI ANCHE: Sicilia sempre più ‘blindata’, da domani altre sei zone rosse

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»