Nominati tre commissari straordinari per le infrastrutture marchigiane

autostrade
Baldelli: “Pronti a collaborare per completare opere fondamentali come Fano-Grosseto, Salaria e Orte-Falconara"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – “Finalmente partiamo con i cantieri”, soddisfatto l’assessore regionale alle Infrastrutture Francesco Baldelli per la firma, da parte del presidente del Consiglio dei ministri, dei decreti di nomina dei commissari straordinari Massimo Simonini, Fulvio Soccodato e Vincenzo Macello, rispettivamente per la Fano-Grosseto E78, la SS4 Salaria e, in campo ferroviario, la Orte-Falconara. “Tre tecnici esperti e di alta professionalità, che sapranno instaurare un rapporto proficuo con tutti gli interlocutori istituzionali, dalle stazioni appaltanti di Anas e Rfi alle amministrazioni pubbliche coinvolte”, osserva l’assessore. “A rendere le nomine ancor più promettenti, si aggiungono gli ampi poteri assegnati ai commissari, poteri che consentono una reale velocizzazione delle pratiche, riducendoci i tempi burocratici – osserva l’assessore -. In pratica, i commissari potranno assumere ogni decisione per l’avvio o la prosecuzione dei lavori, provvedendo anche all’eventuale rielaborazione e approvazione dei progetti non ancora appaltati, insieme ai provveditorati interregionali. Inoltre, è previsto che l’approvazione dei progetti da parte dei commissari, d’intesa con i presidenti delle Regioni territorialmente competenti, sostituisca ogni autorizzazione, parere, visto e nulla osta occorrenti per l’avvio o la prosecuzione dei lavori, salvo che per quelli relativi alla tutela ambientale e dei beni culturali e paesaggistici”.

“Questa volta ci sono tutti i presupposti per procedere spediti verso la concretizzazione di opere attese davvero da troppo tempo e per le quali stiamo lavorando dal nostro insediamento. Da parte della Regione ci sarà la massima disponibilità a collaborare – assicura l’assessore -. In particolare continueremo il proficuo confronto già intrapreso sulla velocizzazione della linea ferroviaria Orte-Falconara, sul miglioramento della Salaria e sulla E78 Fano-Grosseto affinché si possa tornare al tracciato originario con la doppia canna e le quattro corsie. Una soluzione differente creerebbe problemi di viabilità e di sviluppo del territorio”. “Un investimento importante. Le due infrastrutture stradali assorbiranno 3 miliardi dei 4 previsti per il Centro Italia: 1,92 miliardi per la Fano-Grosseto e 1 miliardo per la Salaria. Ai quali si aggiungono 3,7 miliardi per la Orte-Falconara. Il Centro Italia è finalmente protagonista di un piano di rilancio. Risorse che comporteranno una ricaduta economica ed occupazionale importante su tutto il territorio regionale. Inizia così a concretizzarsi il progetto della nuova giunta regionale per una regione finalmente interconnessa e intermodale, per la quale nei prossimi giorni presenteremo una complessiva e finalmente organica visione infrastrutturale per le Marche, sul quale ci siamo confrontati già a Roma e con i più importanti interlocutori in materia di infrastrutture”, conclude Baldelli.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»