Coronavirus, in Brasile il ministro della Salute verso le dimissioni: “Stanco di Bolsonaro”

Da piu' parti Bolsonaro e' accusato di aver sottovalutato l'epidemia: nell'ultima settimana decessi in aumento del 180%
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “E’ da 60 giorni che combatto questa battaglia. Ora basta, sono stanco“. Questo lo sfogo che il ministro della Sanità del Brasile, Luis Henrique Mandetta, ha affidato a ‘Veja’, una testata brasiliana.

Mandetta ha detto che intende dimettersi dal suo incarico, confermando le voci che da giorni lo vedevano ormai fuori dalla compagine di governo del presidente Jair Bolsonaro. Con l’arrivo dell’epidemia di coronavirus i rapporti tra i due si sono fatti sempre piu’ tesi, principalmente a causa della linea di Bolsonaro – definita “morbida” e “mutevole” – di fronte all’emergenza coronavirus.

“E’ da sessanta giorni che devo misurare le parole”, ha raccontato il ministro alla testata, lamentando continui “cambi di idea” e problemi che, anche quando sembravano essere risolti, tornavano a presentarsi perche’ “si cambia avviso”.

Intanto da piu’ parti Bolsonaro e’ accusato di aver sottovalutato l’epidemia, che ora ha quasi raggiunto i 30.000 contagi, collocando il Brasile al terzo posto nelle Americhe, dopo Stati Uniti e Canada.

In un reportage dell’emittente britannica Bbc, si denuncia che a Villa Formosa, il cimitero “piu’ grande dell’America Latina”, alle porte di San Paolo, le salme e i funerali stanno aumentando rapidamente. Secondo i responsabili, se in un giorno si accoglievano mediamente 40 feretri, ora sono 60, e la causa e’ da imputare alla pandemia.

Ai parenti viene dato poco tempo per partecipare alle esequie, e in gruppi di non piu’ di dieci persone, in osservanza delle misure anti-contagio.

Proprio oggi le autorita’ dello Stato di San Paolo hanno fatto sapere che in una settimana i decessi sono aumentati del 180 per cento. Nello stesso arco di tempo i ricoveri in terapia intensiva sono passati da 33 a 525, inducendo i responsabili sanitari a prolungare la ‘zona rossa’ fino al 22 aprile.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»