Coronavirus, in Ghana arriva l’app per tracciare i contagi

Tramite il Gps, l'app consente di tracciare i movimenti del possessore dello smartphone e questo permette di individuare le persone con cui è entrato in contatto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nella lotta al coronavirus, anche il governo del Ghana ha deciso di ricorrere alla tecnologia: le autorità hanno annunciato la creazione di un’applicazione per gli smartphone per facilitare l’individuazione di nuovi casi di Covid-19. Tramite il Gps, l’app consente di tracciare i movimenti del possessore dello smartphone e questo permette di individuare le persone con cui è entrato in contatto. Se l’utente oppure una di quelle persone è positivo al coronavirus, sarà possibile individuare casi sospettati che saranno quindi sottoposti al test. A svilupparla, il Ghana Institution of Surveyors, secondo cui già in pochi giorni è stato possibile trovare un centinaio di nuovi casi. Ad oggi le autorità sanitarie hanno confermato 636 malati e registrato otto decessi, mentre sono state sottoposte a tampone 37mila persone. Per Accra la nuova app avrà “un ruolo cruciale” nel contrastare l’epidemia di Coronavirus, tuttavia c’è chi ricorda che nel Paese, abitato da 30 milioni di persone, solo il 35 per cento della popolazione possiede uno smartphone.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»