Calabria verso la fase 2, incontri con gli operatori locali

Lo rende noto all'agenzia Dire l'assessore al Lavoro, sviluppo economico e turismo della Regione Calabria Fausto Orsomarso
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “Siamo al lavoro su diversi fronti per fronteggiare questa emergenza sanitaria, guardando con interesse anche a quello che sta accadendo in ambito nazionale e alle misure adottate a livello europeo e dal nostro governo per affrontare la ripresa”. Così alla Dire l’assessore al Lavoro, sviluppo economico e turismo della Regione Calabria Fausto Orsomarso. “Per quanto riguarda la nostra Regione, oltre ad aver previsto un fondo denominato ‘Riparti Calabria’ che rappresenta un indirizzo di ripartenza per la nostra economia, abbiamo avviato una serie di incontri con tutti gli operatori calabresi, cercando di coniugare strategie idonee anche in virtù delle scelte governative relative alla fase 2″. “Per il settore turistico – ha affermato l’assessore regionale al ramo – vorremmo che le nostre spiagge siano pronte per tempo. Ovviamente non dipenderà da noi, ma da come si evolverà la situazione sanitaria. Ci vorrà il 2021 o i 2022 per tornare alla normalità. Al momento stiamo lavorando, ad esempio, per il cosiddetto ‘turismo lento’ che coinvolge i tanti borghi calabresi e che potrebbero evitare gli assembramenti tipici dei grandi villaggi turistici. Un’opzione e uno stile di vita – ha concluso Orsomarso – che la Calabria può garantire”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»