Scuola, si torna a settembre. Per i docenti ipotesi concorso a ottobre

Ecco le ipotesi su cui sta lavorando la ministra Azzolina
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Con ogni probabilita’ l’anno scolastico in corso non si concludera’ tra i banchi. Il lavoro del ministero, del Governo e del Parlamento, infatti, e’ quasi esclusivamente proiettato sull’anno scolastico 2020-21. 

La questione principale a questo punto e’ come organizzare il ritorno a settembre. Tanti gli interrogativi: dalla possibilita’ o meno di tornare alle lezioni in presenza – ed eventualmente con quali modalita’ – al nodo relativo al reclutamento dei docenti. Entro il 30 aprile, infatti, dovra’ essere bandito il concorso straordinario per l’immissione in ruolo di 24mila docenti (piu’ altri 24mila con il successivo concorso ordinario).

L’emergenza Covid, tuttavia, rende impraticabile lo svolgimento del concorso per i prossimi mesi e di conseguenza, tra pensionamenti e quota 100, sono molte le cattedre che rischiano di essere sguarnite dall’1 settembre.

Per la ministra Azzolina pero’ il concorso si deve fare: la sua idea e’ farlo svolgere per fine settembre-inizio ottobre, con le assunzioni che risulterebbero retroattive dall’1 settembre e iniziando l’anno scolastico con le supplenze. La continuita’ didattica verrebbe comunque garantita perche’ i supplenti sono gli stessi a essere interessati dai concorsi.

Le altre ipotesi in campo sono la maxi sanatoria proposta da Leu, che prevede il cosiddetto ‘Concorso per titoli’, tutti in ruolo in base agli anni di servizio.

Infine, il ritorno a scuola: nelle stanze istituzionali non si parla piu’ di un ritorno entro maggio ma solo di quali potrebbero essere le possibilita’ per il prossimo anno scolastico. Per questo verra’ istituito un tavolo permanente costituito da figure che garantiscano la linea di comunicazione tra Parlamento e ministero sulle eventuali decisioni da prendere in merito. Sara’ composto da pedagogisti ed esperti di didattica a distanza. L’obiettivo e’ quello di potenziare la didattica a distanza, anche in vista dello stop dei presidi a soluzioni che prevedano ritorni graduali e contingentati.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»