fbpx

Tg Pediatria, edizione del 16 aprile 2020

CORONAVIRUS. ESTATE, LOPALCO: CON TURISMO LOCALE SPIAGGE GESTIBILI

“Sono figlio del ‘Baby Boom’ e ricordo che quando andavo al mare lo spazio c’era, perché era solo turismo locale e non ci si spostava. In questa situazione, probabilmente gli stranieri non arriveranno e lo spostamento da regione a regione in Italia sarà molto limitato. Se pensiamo a un turismo prettamente locale, quindi, credo che le spiagge saranno gestibili”. È questa la ricetta da seguire per un’estate sicura, secondo l’epidemiologo Pier Luigi Lopalco che, ai microfoni di Radio24, dà buone speranze alle famiglie su come affrontare i mesi caldi.

CORONAVIRUS. SIP: PER ESTATE SICURA TRE REGOLE DA SEGUIRE

“Stiamo lavorando affinché questa estate si possa andare al mare, ma in sicurezza”. Lo dice in un video messaggio Elena Bozzola, segretario nazionale della Sip, che con l’arrivo del caldo ricorda la necessità di rispettare almeno tre regole per la vita sociale.

DA IPORESSIA A MANCANZA ARIA, COSÌ I BIMBI ESPRIMONO IL DISAGIO

I bambini non hanno, come gli adolescenti e gli adulti, la possibilità di esprimere ed elaborare le loro paure, così le manifestazioni del loro disagio sono spesso riferite al corpo: dall’alterazione della condotta alimentare alla sensazione di ‘mancanza d’aria’. Anna Maria Cester, pediatra e psicoterapeuta dell’età evolutiva, scatta alla Dire una fotografia delle principali reazioni che i bambini stanno esprimendo durante questa quarantena.

CORONAVIRUS. SIP: BAMBINI PIÙ IMMUNI A COVID GRAZIE A VACCINI

“I bambini sono i più immuni al Coronavirus e questo sembra dovuto al fatto che i più piccoli si vaccinano”. Lo dichiara Alberto Villani, presidente della Società italiana di pediatria (Sip), su Rai 1 al programma ‘Diario di casa’.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

16 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»