Bonetti: “I bambini hanno diritto al gioco, riapriamo i parchi”

L’idea della ministra è un accesso ai “parchi contingentato, coinvolgendo volontari, attrezzando aree giochi per giochi individuali”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “I nostri figli hanno il diritto di giocare, di muoversi, di ricominciare ad uscire. Attrezziamo in sicurezza parchi e luoghi all’aria aperta. La ripartenza deve metterli al centro”. Lo scrive su Facebook la ministra della Famiglia, Elena Bonetti, postando l’intervista a la Repubblica.

“Nel massimo rispetto delle regole sanitarie e delle indicazioni del comitato scientifico – si legge nell’intervista- oltre alle fabbriche, ai negozi, dobbiamo pensare alla ripartenza dei ragazzi. In gioco c’è la loro salute, fisica e psichica”.

ACCESSO A PARCHI CONTINGENTATI, PERCORSO DA MAGGIO

“C’e’ la necessita’ di mettere al centro della ripartenza i diritti dei bambini e dei giovani, che sono un pezzo che sta soffrendo la reclusione in casa, che e’ stata necessaria, ma i bambini hanno diritto al gioco, hanno necessita’ di relazioni e di attivita’ motoria“. Cosi’ la ministra della Famiglia, Elena Bonetti, a SkyTg24. 

A chi le chiede quando potremo vedere i bambini al parco, la ministra precisa: “Quando non glielo posso dire, ma da oggi dobbiamo mettere in campo il percorso per organizzarci, auspico dal 4 maggio inizi questo percorso di apertura“. 

L’idea della ministra e’ “un accesso ai “parchi con accesso contingentato, coinvolgendo volontari, attrezzando aree giochi per giochi individuali”. Infine, l’appello e’ ad approfittare “di questi mesi per insegnare ai bambini le regole per riprendere una vita di comunita’, regole di distanziamento e igiene”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»