Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Processo Cucchi, il carabiniere indagato per omicidio stringe la mano a Ilaria: “Mi dispiace”

Il carabiniere Francesco Tedesco, imputato per omicidio preterintenzionale nel processo bis per la morte di Stefano Cucchi, dopo il suo interrogatorio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una stretta di mano a Ilaria Cucchi accompagnata dalle parole “mi dispiace”. Così il carabiniere Francesco Tedesco si è congedato dall’aula della I Corte d’assise del Tribunale di Roma, al termine del suo interrogatorio come imputato (per omicidio preterintenzionale) nel processo bis per la morte di Stefano Cucchi

“Dopo il primo schiaffo, Stefano non ha avuto il tempo di lamentarsi, non ha gridato- ha raccontato Tedesco- È caduto in terra stordito e non ha urlato neppure dopo il calcio che gli è stato sferrato a terra. Poi, quando l’ho aiutato a rialzarsi, gli ho chiesto come stava e lui mi ha detto di stare tranquillo perché era un pugile. Ma si vedeva che non stava bene”.

LEGGI ANCHE: Ilaria Cucchi: “Ora mi aspetto giustizia e nessuno sconto. Ma mai vorremo vendetta”

CUCCHI. CC TEDESCO: D’ALESSANDRO E DI BERNARDO SI SONO NASCOSTI DIETRO ME

“Cominciai a maturare la convinzione di dover parlare il 30 luglio 2015, quando fui convocato dal pm”. Lo ha detto il carabiniere Francesco Tedesco nel corso del suo controesame davanti ai giudici della I Corte d’Assise del Tribunale di Roma, dove si sta svolgendo il processo bis sulla morte di Stefano Cucchi, che vede imputato anche Tedesco per il reato di omicidio preterintenzionale.

Il militare dell’Arma ha puntato il dito contro altri due carabinieri coimputati nel processo, Raffaele D’Alessandro e Alessio Di Bernardo: “D’Alessandro e Di Bernardo si sono nascosti per dieci anni dietro le mie spalle. A differenza mia, non hanno mai dovuto affrontare un pm. L’unico ad affrontare la situazione e ad avere delle le conseguenze ero io. In tutti questi anni l’unica persona che aveva da perdere ero io, ero l’unico minacciato”.

Nel corso del suo esame, Tedesco ha ricostruito le fasi dell’arresto del giovane geometra romano la notte del 15 ottobre 2009, raccontando di avere visto personalmente lo scambio droga-denaro di Cucchi con il suo cliente e indicando tutti i componenti del gruppo che realizzarono le varie perquisizioni (personale, dell’auto e domiciliare) di Cucchi quella notte.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»