Governo, Salvini a Calenda: “Mai con il Pd”; Fisco semplice, 30 milioni di dichiarazioni online

Edizione del 16 aprile 2018
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://www.youtube.com/watch?v=tN6jnScUkEA&feature=youtu.be

GOVERNO. SALVINI A CALENDA: MAI COL PD

Nessuna schiarita sul percorso che porta alla formazione del governo. Il ministro dello Sviluppo Carlo Calenda ipotizza la nascita di un esecutivo di transizione, con la partecipazione di tutte le forze politiche. Luigi Zanda invita a mettere alla prova i Cinque Stelle. Ma dal Pd si levano voci contrarie, come quelle del senatore renziano Dario Parrini. Anche Matteo Salvini chiude: “Sono pronto a formare un governo e dialogo con tutti. Ma l’unico punto fermo è che con il Pd non si può fare nulla”, dice a margine di una manifestazione in Molise.

GENTILONI: NON SPRECARE IL LAVORO FATTO

Paolo Gentiloni rinnova l’appello alle forze politiche che formeranno il nuovo governo. Partecipando a Vinitaly, il presidente del consiglio sottolinea la necessita’ di valorizzare i sacrifici fatti in questi anni da famiglie, imprese e lavoratori. L’invito vale anche per quanto riguarda il settore del vino, che registra quest’anno saldi di export e produzione impressionanti. Gentiloni ha ricordato come la piccola e media impresa vinicola italiana riesca a competere e vincere nelle sfide globali.

FISCO SEMPLICE, 30 MILIONI DI DICHIARAZIONI ONLINE

Venti milioni di dichiarazioni dei redditi precompilate sono disponibili sul sito dell’Agenzia delle entrate. I modelli sono corredati di detrazioni e deduzioni, sulla base delle informazioni disponibili. Il contribuente può accettare la dichiarazione così com’è, oppure integrarla e modificarla, a partire dal 2 maggio, e poi inviarla entro il 23 luglio. Il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco e’ intervenuto nuovamente sulle crisi bancarie: sono state superate ma restano delle debolezze nel sistema, ha detto.

SIRIA, BASSETTI: SITUAZIONE E’ PEGGIO DELL’INFERNO

La situazione in Siria “e’ cinque volte peggio dell’inferno”.  Il presidente della Cei Gualtiero Bassetti invita a fermare il fuoco delle bombe in Medio Oriente, dove, spiega, “ci sono le macerie, non c’è acqua, si muore di fame”. Sulla Siria e’ intervenuto anche il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, secondo il quale “bisogna rafforzare il dialogo”. Inasprire le sanzioni alla Russia non servirebbe a metterla dalla parte di chi vuole battersi contro le armi chimiche e dalla parte di chi vuole stabilità in quell’area.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»